sabato 13 luglio 2019

LA MONTAGNA - 19-30 luglio 2019

MAIL ART LA MONTAGNA

Alla convocazione di Mail Art sul tema “La Montagna” hanno risposto mailartiste e mailartisti dall’Italia e da 14 altri paesi.
La mostra sarà inaugurata Venerdì 19 luglio 2019 alle ore 17,30 presso la scuola “Enrico Toti” in via Trento e Trieste a Sormano (Como) e resterà aperta dalle ore 15 alle ore 18 di sabato 20 e domenica 30 luglio.

ITALIA  Ariel Antonio Alemanno, Antonio Amato, Andreina Argiolas, Nino Attinà, Paola Baldassini, Franco Ballabeni, Emma Beretta, Anita Bernasconi, Lucia Biral, Cecilia Bossi, Emma Brambilla, Renata Brenta, Barbara Brotto, Anna Buonapace, Rosa Bussadori, Viviana Buttarelli, Paolo Cabrini, Alfonso Caccavale, BarCam, Elena Cantaluppi, Angela Caporaso, Lamberto Caravita,  Simonetta Chierici, Maurizio Curioni, Albina Dealessi, Paolo De Mattia, Michela Falcetta, Mimicha Finazzi, Maurizio Follin, Roberto Formigoni, Attilia Garlaschi, Gretel Fehr, Living Art, Nadia Magnabosco, Marilde Magni, Anna Maria Matone, Veronica Menni, Irene Milani, Annalisa Mitrano, Nadia Presotto, Tiziana Priori, Antonella Prota – Giurleo, Diego Racconi, Alina Rizzi, Sabina Romanini, Claudio Romeo, Sergio Sansevrino, Antonio Sassu, Roberto Scala, Loredana Scarian, Stefania Schiappa, Miriam Selvetti, Domenico Severino, Anna Sottocasa, Emilia Sottocasa, Giovanni e Renata Strada, Pietro Vallone, Rosanna Veronesi 
ARGENTINA   Raquel Gociol, Silvia Lissa 
BRASILE    Fernando Calhau, Roberto Keppler, Karla Kolberg Lipp, Janys Oliveira, Hugo Pontes, Mauricio Roja, Josè Rufino 
ESTONIA   Ilmar
FINLANDIA   Paul Tiilila, Anja Mattila Tolvanen
FRANCIA   Richard Baudet 
GIAPPONE   Ryosuko Cohen
MESSICO  Monica Sanchez Vergara, Ignacio Navarro Cortez   
PERU’   Maria Soledad Blas Flores, Fabiola Jaules
ROMANIA    Eduard Jakabhazi, Alezandru Jakabhazi
SPAGNA   Sabela Bana, Cesar Reglero Campos, Mikel Untzilla, J.Jesus Sanz,  Isabel Jover
SVIZZERA   Vasiliki MerianouLaura Maggi Ferrazzini
TUNISIA   Sana Zoughlaami
TURCHIA   Derya AVCI
UNGHERIA   Aranyi Sàndor, Maros Kata, Biro Ildiko


Osmosi - 13 Settembre-12 Ottobre 2019


Mostra collettiva di arte contemporanea


Juan David Galindo | Francisco Navarrete Sitja | Eduardo Ruiz | Anna Irina Russel
A cura di Alessia Locatelli
Con il Supporto di
Comune di Barcellona, Institut Ramon Llull e Centro civico Sant Andreu Contemporani, Barcellona.
CityArt via Dolomiti 11 , MI
Opening: 12 Settembre h. 18,30
Dal 13 Settembre al 12 Ottobre 2019
Orari: da mercoledì a sabato dalle h. 15,30 alle h. 19,00

Il centro Sant Andreu Contemporani di Barcellona, ha il piacere di presentare a Milano la mostra collettiva dal titolo Osmosi a cura di Alessia Locatelli. Esposti i lavori di 4 artisti catalani Under35 selezionati a seguito della vittoria della curatrice di una open call internazionale per la giuria del Premi Miquel Casablancas, cui ha partecipato grazie ad una residenza curatoriale sostenuta nel maggio 2019 dal Sant Andreu Contemporani, realtà culturale con un focus nelle arti visive del contemporaneo connessa al Comune di Barcellona.
La natura ha delle sue regole che non necessariamente si trovano in condizione di favorire la presenza o creare sviluppo per l’essere umano. Come sappiamo, la nostra comparsa è avvenuta sul pianeta solo dopo parecchio tempo dalla sua genesi, non possono dunque essere destinate all’uomo le leggi che da sempre regolano gli equilibri terrestri. Eppure, questo piccolo essere vivente è l’unico che, nel breve arco della sua evoluzione, è stato capace di alterare e modificare in maniera quasi irreversibile le condizioni della natura stessa, la cui risposta spesso si traduce in un tentativo di aggressivo riequilibrio attraverso il compiersi delle catastrofi naturali.
Osmosi affronta una riflessione contemporanea sul tema dell’equilibrio Uomo-Natura. La collettiva d’arte contemporanea inaugura il 12 settembre 2019 presso gli spazi di CityArt in via Dolomiti 10 a Milano e resta aperta per un mese. I 4 artisti invitati – Juan David Galindo, Francisco Navarrete Sitja, Eduardo Ruiz e Anna Irina Russel – porteranno un’opera che riflessiona sul tema attraverso l’approccio a differenti modalità di linguaggio e materiali.
I lavori si sviluppano all’interno di City Art, luogo individuato per la sua vocazione pubblica e collaborazione con il Comune di Milano in sinergia con progetti territoriali, pubblici e giovanili.
Entrando nella sala espositiva si incontra l’installazione Strategie per una comunicazione Æfectiva di Anna Irina Russel. La potenzialità rappresentata dalla luce viene esplorata da Anna Irina Russel in funzione dei meccanismi di comunicazione/potere spesso appartenenti ad apparati militari. Meccanismi riscontrabili anche nel campo delle esplorazioni spaziali che oggi godono di una rinnovata attenzione e i cui elementi portanti sono la tecnologia ed il denaro investito e che vanno a cambiare la prospettiva romantica dell’esplorazione spaziale come desiderio di condivisione del sapere e incontro con creature aliene, tanto sostenuto del secolo precedente.
Un grande tavolo accoglie il complesso progetto di investigazione di Francisco Navarrete Sitja sulla relazione tra l’acqua e lo sviluppo della presenza umana dal titolo L’Acqua è per il Corpo, il Corpo per le Alghe, l’Alga per il Sentiero. Il lavoro si caratterizza nel tentativo di analizzare alcuni immaginari territoriali legittimati nel carattere simbolico da una certa espressione materiale dell’ambiente. In relazione a ciò, quando l’autore si interroga sui materiali trovati (rocce, minerali, acqua, falesie e alghe…) ciò che prova ad indagare sono le presenze non-umane come fattori abilitanti di nuovi orizzonti di significato rispetto a come comprendiamo, esercitiamo e ci rapportiamo all’ambiente.
Azul Abandonado di Edurado Ruiz presenta tre copie della rivista National Geographic esposte a differenti ore e livelli di radiazione solare per illustrare le perdite di colore in base alla sensibilità all’azione della luce e la forza di questa sulla nostra quotidianità. “Potremmo ancora in futuro vivere i luoghi pubblici e la socialità nella stessa maniera?” Si domanda l’autore. Una risposta che toccherà alle future generazioni. Che a noi resti almeno una consapevolezza critica degli effetti a volte inarrestabili dell’attività umana e delle sue abitudini.
In una stanza a parte il progetto installativo di Juan David Galindo dal titolo NowHere or in the Middle of the Ocean riflette – concettualmente e concretamente – sugli spazi artificiali associati all’immaginario del turismo di massa, altro tema portante nell’indagine sui mutamenti dei rapporti tra uomo e natura.


Juan David Galindo | Francisco Navarrete Sitja | Eduardo Ruiz | Anna Irina Russel
A cura di Alessia Locatelli
Con il Supporto di
Comune di Barcellona, Institut Ramon Llull e Centro civico Sant Andreu Contemporani, Barcellona
Sponsor tecnico: Piccolo Bacco dei Quaroni
Dove: CityArt via Dolomiti 11 , MI
Opening: 12 Settembre h. 18,30
Dal 13 Settembre al 12 Ottobre 2019
Orari: da mercoledì a sabato dalle h. 15,30 alle h. 19,00
Trasporto: MM1 fermata Turro
Contatti: info@cityart.it – www.cityart.it  –  cell. 3357689814

PRIVATE BOOKS. LIBRI D’ARTISTA DI PICCOLO FORMATO - 26 luglio-25 agosto 2019



l’associazione culturale Azioni d’Arte
presenta
PRIVATE BOOKS. LIBRI D’ARTISTA DI PICCOLO FORMATO
a cura di Loredana Rea
  


Nell’ambito dell’ESTATE GUARCINESE 2019, il MAC Museo d’Arte Contemporanea, che si distingue per la particolarità di avere solo opere di piccolo formato, promuove una nuova iniziativa espositiva.
Venerdì 26 di luglio alle ore 17,00 presso la sala teatrale di Guarcino apre al pubblico Private books. Libri d’artista di piccolo formato, che sarà visitabile fino al 25 agosto.
La mostra promossa dall’Amministrazione Comunale e dall’associazione culturale Azioni d’Arte e curata da Loredana Rea, direttore artistico del MAC, propone una riflessione sui percorsi plurimi della contemporaneità. Nello spazio esiguo del piccolo formato le differenze, le singolarità, le dissonanze e le affinità suggeriscono che nella complessità della ricerca artistica attuale la molteplicità espressiva, perseguita con gli strumenti e i mezzi più diversi, è filo sottile eppure tenace a legare le une alle altre esperienze che si sviluppano con metodologie operative e tensioni culturali talvolta tanto differenti da sembrare spiazzanti.
La scelta di esporre Libri d’artista è legata all’importanza che questa esperienza creativa svolge nella ricerca dei singoli, che sempre più spesso intendono il libro come il luogo di nuove sperimentazioni, strettamente connesse alle soluzioni linguistiche legate alle specificità progettuali e alle conseguenti scelte operative.
Accanto alle opere degli artisti invitati, si propone una selezione di taccuini dell’Archivio Rea.

GLI ARTISTI:
Caterina Arcuri, Franca Bernardi, Anna Boschi, Francesco Calia, Vito Capone, Lamberto Caravita, Carmela Corsitto, Giulio De Mitri, Prisco De Vivo, Elisabetta Diamanti, Giovanna Donnarumma, Mavi Ferrando, Alfonso Filieri, Claudio Gaddini, Delio Gennai, Salvatore Giunta, Paolo Gobbi, Gennaro Ippolito, Cosetta Mastragostino,  Rita Mele, Antonio Picardi, Antonio Poce,  Teresa Pollidori, Fernando Rea, Rosella Restante, Gianni Rossi, Alba Savoi, Grazia Sernia, Elena Sevi, Lucia Sforza, Nicoletta Testi, Ilia Tufano, Vittorio Vanacore, Piero Varroni,

Scheda informativa:
mostra: Private books. Libri d’artista di piccolo formato,
curatela: Loredana Rea
organizzazione: Ass, Cult. Azioni d’Arte -  info@macguarcino.ithttp://www.macguarcino.it/
inaugurazione: venerdì 26 luglio ore 17,00
periodo: 26 luglio – 25 agosto 2019
orario: tutti i giorni - ore 10,30/12,30 - 17,00/20,00
informazioni: Comune di Guarcino tel. 0775. 46007
             Teresa Pollidori cel. 3281353083