lunedì 19 giugno 2017

Marte - 24 giugno-2 luglio 2017

Marte
Martesana incontra l’arte & il paesaggio

diventa l’opera esposizione open air
installazioni, territorio, paesaggio


Sabato 24 giugno, a partire dalle 18.00, s’inaugura lungo il naviglio della Martesana, Marte: un’esposizione d’arte ambientale che intreccia paesaggio e arte contemporanea con l’obiettivo di rileggere il territorio attraverso la creatività, l’integrazione sociale e la fluidità delle idee a cui l’acqua rimanda. Da Melchiorre Gioia (Cassina de Pomm) all’Anfiteatro Martesana, nove giorni di installazioni d’arte open-air, proiezioni video, passeggiate e performance che raccontano, reinventano e svelano l’identità del luogo.
Gli artisti invitati sono stati selezionati anche da un’apposita call under 35: Emilio Alberti, Apostolo, Narciso Bresciani, Manuela Carrano, Elisabetta Oneto, Titta Cosetta Raccagni, Roger Ranko, Lorella Salvagni, Mario Scudeletti, Celina Spelta e Massimo Uberti. I lavori rievocano la memoria di rituali tipici del luogo ormai persi ed offrono suggestioni su come poterlo esperire secondo ritmi e predisposizioni di pensiero differenti da quelle ordinarie.
Sono micromondi, attraversamenti ideali, abitazioni poetiche, messaggi d’allarme e performance collettive: s-punti di vista da cui re-immaginare condizioni di vivibilità della città, sollevare problematiche ed enfatizzarne peculiarità.
Marte, (che unisce nel nome Martesana e arte), è un progetto sostenuto dalla Fondazione Cariplo e ideato dall’Associazione culturale City Art, con la direzione artistica di Angelo Caruso, Jacqueline Ceresoli e Federica Fierri. È un progetto che City Art aveva in cantiere da molti anni e che ha già  presentato in vari convegni, tra cui Dall’Acqua della Martesana (2013) presso Palazzo Freganeschi Pirola a Gorgonzola.
Marte si avvale della preziosa collaborazione di realtà radicate nel territorio come l’Associazione Gorla Domani, la Cascina Martesana, EastRiver, Spazio DoloMiti, Ciclobby Fiab, Tavolo Giovani zona 2, Bottega Solea e il giornale NOI zona 2.
Prezioso il sostegno del Comune di Milano Area Giovani e dell’Università che ha concesso il Patrocinio. L’Associazione City Art è ospitata in uno degli immobili comunali messi a disposizione dall’area Giovani per le associazioni giovanili.

Programma

Inaugurazione: Sabato 24 giugno 2017, ore 18.00 Giardini Cassina de Pomm, Milano
Passeggiata da Melchiorre Gioia – Giardino Cassina de Pomm all’Anfiteatro Martesana con performance presso le installazioni del gruppo Poesia in DoloMiti.
––
Proiezioni
Martesana, le stagioni in città opera video di Titta Cosetta Raccagni.
Spazio DoloMiti in via Dolomiti 11, il 24 – 25 – 26 – 27 – 29 – 30 giugno, dalle 21.00 alle 24.00.
il 28 giugno dalle 21.00 alle 24.00 Cascina Martesana via Bertelli 44.
il 1 luglio dalle 21.00 alle 23.00 Bottega Solea via Tofane 3.
––
24 – 25 giugno East River via Jean Jaures 22, Openday di Canoa sulla Martesana.
 ––
25 giugno
East River via Jean Jaures 22, Weekend benessere di yoga, pilates, trattamenti, laboratorio di cucina naturale…
Cascina Martesana, Via Bertelli 44, mostra AltriMondi – al Giardino nascosto laboratori e spettacoli, aperto a tutti la domenica pomeriggio.
Lun – ven 16.30 – 1.00 Sab – dom 11.00 – 01.00
 ––
28 giugno ore 18.00 Giardino Cassina de Pomm, Passeggiata in bicicletta con FIAB Milano Ciclobby e con gli artisti per visitare le installazioni sul Naviglio Martesana.
––
30 giugno ore 17.00
Passeggiata con le associazioni del Tavolo Giovani Zona 2 per scoprire insieme agli artisti le installazioni sul percorso, si parte da Cascina Martesana e si conclude a Cassina de Pomm.
 ––
2 luglio dalle 15.00 alle 18.00, Bottega Solea via Tofane 3, Calligrafia e illustrazioni dal vivo con Ketty Agnesani e Alex Tabozzi.
Il progetto è stato realizzato in collaborazione con la Fondazione Cariplo, tra le realtà filantropiche più importanti del mondo con oltre 1000 progetti sostenuti ogni anno per 144 milioni di euro e grandi sfide per il futuro. Giovani, benessere e comunità le tre le parole chiave che ispirano oggi l’attività della fondazione.
“Dalla coesione tra le persone parte la nostra piccola rivoluzione – Giuseppe Guzzetti, Presidente – perché ciascuno dia il proprio  contributo per fondare il futuro della nostra società su quei principi di solidarietà e di innovazione sociale che sono alla base dell’operato di Fondazione Cariplo” #conFondazioneCariplo.


Per info, approfondimenti e interviste:
City Art, Via Dolomiti 11, 20127 Milano – Cell. 348 9211143
info@cityart.it
www.cityart.it
www.facebook.com/ArteMartesana
Angelo Caruso | +39 3357689814
Jacqueline Ceresoli  | jacqueline.ceresoli@libero.it
Federica Fierri |fedelipsia@tiscali.it

Gruppo Sinestetico - PERFOMEDIA - 24 Giugno-9 luglio 2017

PERFOMEDIA 
24 Giugno-9 luglio 2017


Il Gruppo Sinestetico (Albertin , Sassu , Perseghin , Scordo) e la collaborazione di Caterina Greggio

domenica 25 giugno presenti al MUVI
(Museo Viadana -MV Galleria Civica arte Contemporranea)

con la performance "Cheeky",

la presenza della stessa con video eseguito nel 2015,
riprese di Attila Toth foto Alfonsi e due opere fotografiche 70x100 esposte al MUVI.

www.grupposinestetico.it

2° Simposio di arte contemporanea - 9-16 luglio 2017

2° Simposio di arte contemporanea di Sormano (Como)

Titolo: Il mondo a Sormano
Luogo: Municipio e sede scolastica. Via Trento e Trieste.  Sormano (Como)
Inaugurazione: Domenica 9 luglio 2017 alle ore 18,30. Sala consiliare. Via Trento e Trieste. Sormano
L’inaugurazione della mostra conclusiva del simposio avverrà domenica 16 luglio alle ore 18,30 nella stessa sede.
Durata: sino a domenica 16 luglio 2017
Organizzazione: Comune e Biblioteca comunale di Sormano 
Artiste e artisti impegnati:  
Rafael Coronado (Colombia), Myriam M. Mercader (Spagna), Constantin Neacsu (Romania), Cesar Reglero Campos (Spagna), Mor Talla Seck (Senegal),  Isabel Jover (Spagna) e un folto gruppo di artiste e artisti italiani  Ludovica Cattaneo, Marisa Cortese, Gianmario Masala, Antonella Prota Giurleo, Luca Rendina, Enza Tamborra, Vittorio Tonon, Micaela Tornaghi.
Testi critici: Cristina Rossi, Chiara Franchi,  Myriam M. Mercader
Progetto e curatela: Antonella Prota Giurleo a.protagiurleo@email.it 347 03 12 744
Presentazione attraverso immagini e parole della realtà di Sormano e artiste e artisti: Martedì 11 luglio ore 20,30 presso il salone dell’Albergo Miravalle. Via Pian del Tivano 27, Sormano
Laboratori gratuiti e aperti al pubblico presso la scuola elementare:
. Lunedì 10 luglio ore 16,30 – 18    CUMBIAPintura condotto da Rafael Coronado
. Martedì 11 luglio     ore 16 – 18  Grafología, arte e creatività condotto da Cesar Reglero Campos
. Mercoledì 12 luglio  ore 10 – 11,30 Poesia Visiva condotto da Myriam Mercader e Isabel Jover
.                               ore 16 – 18   Formare i colori da elementi naturali condotto da Antonella Prota Giurleo
. Venerdì 14 luglio     ore 15 – 17  Costruzione attraverso materiale di recupero condotto da Mor Talla Seck
. Sabato 15 luglio      ore 15 – 17   I colori e i cinque sensi condotto da Vittorio Tonon

Documentazione fotografica: Stefano Franchi e Tito Arrigoni


Il 2° Simposio di Arte contemporanea (il 1° ebbe luogo nel 2009) ha diversi obiettivi:
. promuovere e facilitare il processo di comprensione dell’arte contemporanea per la cittadinanza
. permettere l’ incontro - confronto tra espressioni artistiche e linguistiche differenti con la cultura locale
. far conoscere, attraverso la realizzazione del simposio e le opere artistiche, la realtà di Sormano e del territorio dei Monti di Sera.
Le artiste e gli artisti invitati, con presenze dall’Europa (Romania, Spagna e Italia), dall’Africa (Senegal) e dall’America latina (Colombia) elaboreranno le loro opere a partire dalla realtà del paese e del territorio e condurranno laboratori aperti al pubblico.
Attraverso le diverse espressioni visive di pittura, scultura e fotografia arrivando a poesia visiva, calligrafia, installazioni, performances e video,  l’arte contemporanea invaderà il paese.
La maggioranza delle iniziative pensate per le artiste e gli artisti vedranno la partecipazione della cittadinanza, delle amiche e degli amici di Sormano. 

ART NIGHT VENEZIA - 10 maggio-10 agosto 2017

Ideato e curato da Ruggero Maggi
Palazzo Zenobio – Fondamenta del Soccorso 2596 - Venezia
10 maggio – 10 agosto 2017
Anche quest'anno Padiglione Tibet partecipa ad
ART NIGHT VENEZIA | SABATO 17 GIUGNO 2017
ALLE ORE 17.30
In collaborazione con la FPMT (Fondazione per la Preservazione della Tradizione
Mahayana) un appuntamento con la spiritualità tibetana.
INCONTRO con GHESCE TENZIN TENPHEL
ALLE ORE 19.30
PRIMA BIENNALE INTERNAZIONALE DI ARTE POSTALE A VENEZIA
dal 17 giugno al 10 agosto 2017
a cura di Ruggero Maggi per Padiglione Tibet

Ospite speciale di questa Prima edizione della Biennale di Arte Postale: GAC,
acronimo che indica Guglielmo Achille Cavellini, probabilmente il più controverso
artista nella storia dell'arte contemporanea italiana e creatore dell'autostoricizzazione.
Saranno presentati i lavori e le foto degli artisti che il 31 dicembre 2014, centenario
della nascita di GAC, hanno voluto raccogliere il mio invito a festeggiare l'arrivo del
nuovo anno indossando e facendo indossare per l'occasione ad amici e parenti la
maschera di GAC riproducente il suo volto, che avevo realizzato nel 1985.
ENTRATA LIBERA
PALAZZO ZENOBIO – FONDAMENTA DEL SOCCORSO 2596 - VENEZIA
. Dalla Stazione Ferroviaria di Venezia facilmente raggiungibile a piedi
. vaporetto 5.1 fermata S. Basilio
PADIGLIONE TIBET
un ponte di cultura e libertà
evento dedicato a S.S. il Dalai Lama
Artisti PADIGLIONE TIBET | LUNG-TA:
Marco Agostinelli, Dino Aloi, Salvatore Anelli, Piergiorgio Baroldi - Lorenzo Bluer, Carla Bertola - Mariella Bogliacino - Fernando Montà - Alberto Vitacchio, Giorgio Biffi - GiglioFrigerio - Fabrizio Martinelli, Rovena Bocci, Rossana Bucci - Oronzo Liuzzi, RosaspinaBuscarino, Silvia Capiluppi, Paola Caramel, Simonetta Chierici - Loredana Manciati -Tiziana Priori - Elena Sevi, Pino Chimenti, Circolo degli artisti di Varese, MarziaCorteggiani, Giampietro Cudin - Carla Rigato, Albina Dealessi, Nyima Dhondup - LiviaLiverani, Anna Maria Di Ciommo, Franco Di Pede, Marcello Diotallevi, GiovannaDonnarumma - Gennaro Ippolito, Gretel Fehr, Mavi Ferrando - Mario Quadraroli - RobertoScala - K7, Alessandra Finzi - Gianni Marussi, Alberto Fortis, Emanuela Franchin, IvanaGeviti, Antonella P. Giurleo, Isa Gorini, Gruppo Il Gabbiano, Peter Hide 311065 - Isabella
Rigamonti, Benedetta Jandolo - Angela Marchionni, Oriana Labruna, Silvia Lepore -Sandro Pellarin, Ruggero Maggi, Giulia Niccolai - Gruppo BAU, Tashi Norbu, Clara Paci,Lucia Paese, Salvatore Perchinelli, Marisa Pezzoli, Benedetto Predazzi, Anna Seccia, GianniSedda, Roberto Testori

VIDEO ARTE
Satish Gupta (presentato dalla prestigiosa BASU Foundation For The Arts), Francesca Lolli, Marco

Rizzo.
MOSTRE PERSONALI
Rosaspina Buscarino, Anna Maria Di Ciommo, Marcello Diotallevi, Roberto Testori

ATMAN
opera inedita site specific di Robert Gligorov
curata da Luca Pietro Acquati Architetto


ENTRATA LIBERA orari: martedì – domenica 10.00/18.00 - chiusura: lunedì

Paola De Rosa - 10-24 giugno 2017





Genova - Sedi varie
Dal 10 al 24 giugno 2017

Grande successo per l'inaugurazione, sabato 10 giugno, della Seconda Biennale di Genova 2017 - Esposizione Internazionale d'Arte Contemporanea, a cura di Mario Napoli.

Straordinaria la partecipazione del pubblico che ha invaso il centro della città, trasformando la cerimonia d'apertura in una grande festa dell'arte contemporanea.
La mostra, patrocinata da Regione Liguria, Comune e Città Metropolitana di Genova e dalla Camera di Commercio, durerà fino al 24 giugno 2017.

Sedi espositive: Palazzo Stella, Palazzo della Borsa, Galata Museo del Mare, Dipartimento Architettura e Design, Palazzo Doria Spinola, Museo dell'Accademia Ligustica di Belle Arti, Palazzo Nicolosio Lomellino, Palazzo De Ferrari Galliera, Museo Biblioteca dell'Attore e Mura di Malapaga.

L'inaugurazione itinerante, che è stata animata da una serie di eventi collaterali, iniziata alle ore 14:45 al Galata Museo del Mare, è proseguita alle 16:00 a Palazzo Nicolosio Lomellino in Via Garibaldi, alle 16:45 a Palazzo della Borsa in Via XX Settembre, alle 17:30 al Museo dell'Accademia Ligustica in Piazza De Ferrari, per chiudersi con la premiazione e proclamazione dei vincitori alle 18:15 a Satura art gallery.

Dal 10 giugno, Genova torna ad essere teatro per uno degli eventi nazionali più completi ed esaustivi sullo stato dell'arte contemporanea, con quasi trecento artisti visivi provenienti da ogni parte del mondo.

Giuria della Seconda Biennale di Genova 2017:
Marino Anello collezionista, Andrea Bagossi archeologo, Wanda Castelnuovo critico d'arte, Chiara Lapia giornalista freelance, Milena Mallamaci architetto, Flavia Motolese art curator, Giuditta Napoli designer, Mario Napoli Presidente Associazione Satura, Maddalena Pallestrini esperta in comunicazione, Andrea Rossetti critico d'arte e Manila Zangari art advisor.

Artisti Vincitori della Seconda Biennale di Genova 2017:
Primo Premio Pittura: Hannes Hofstetter
Secondo Premio Pittura: Paola De Rosa
Terzo Premio Pittura: Mahshid Rahim Tabrizi

Primo Premio Fotografia: Antonio Guccione
Secondo Premio Fotografia: Chiara Peccerillo
Terzo Premio Fotografia: Stefano Cacciatore

Primo Premio Scultura: Ricardo Laverde
Secondo Premio Scultura: Valdi Spagnulo
Terzo Premio Scultura: Franco Repetto

Informazioni:
Satura art gallery associazione culturale - Centro per la promozione e diffusione delle arti
Piazza Stella 5-1, 16123 Genova
Periodo: dal 10 al 24 giugno 2017
Ingresso: libero
Info: tel. 010 2468284



LA FESTA DEI PERFORMERS AL MUSEO MUVI DI VIADANA - 24 giugno-9 luglio 2017


sabato 10 giugno 2017

TRA IL VISIBILE E L'INVISIBILE - 17 giugno-16 luglio 2017



TRA IL VISIBILE E L'INVISIBILE

inaugurazione sabato 17 giugno alle ore 1730
 Galleria d'Arte del Cavallo,
via F.lli Cervi 1
Valleggia ( Savona)

Ingresso libero.
  

" L'essenziale è invisibile agli occhi" ...pensiamo all'aria     ai pensieri      alla conoscenza.

AT FULL BLAST 2017 - 17 giugno- agosto 2017

AT FULL BLAST 2017 in mostra a LATERZA - MATERA - MARINA DI GINOSA



A poco più di tre anni dalla prima edizione, la collettiva d’arte contemporanea “At Full Blast – A tutto spiano” curata da Massimo Nardi torna in scena ambiziosamente, valicando gli originari confini dell’area metropolitana barese. Ricco il programma di eventi, triplice la location, unico l’obiettivo: valorizzare luoghi, territori e comunità locali promuovendo cultura e turismo. Laterza, Marina di Ginosa e Matera sono le tappe di un articolato percorso espositivo che vede protagoniste produzioni artistiche contemporanee di indubbio profilo in spazi storici e contesti da riscoprire. Forme, spazi, elementi, segni, risonanze, frammenti. Tutti rigorosamente “narrati” dall’elegante curatèla quali singoli frames di un unico tessuto emozionale. Ed è proprio qui, appunto, che si staglia la cifra distintiva - non solo estetica – della mostra curata da Nardi. Pittura, scultura, installazioni, performance, nuove arti visive. I lavori in mostra non fanno sconti: richiedono una relazione, una (de)codifica, impongono un ruolo attivo da parte dello spettatore, pretendono un’interazione persistente fra produttore e fruitore di senso. Il bisogno inoltre, anzi l’urgenza, di un rapporto diretto con la dimensione fisica (quasi una compenetrazione con lo spazio reale e con quei “luoghi” – per dirla con Augé – intrisi di elementi identitari, storici e culturali) segna profondamente l’etica e l’estetica di un linguaggio mai esclusivamente rappresentativo ma sempre marcatamente evocativo. Inevitabile il riferimento al binomio concettuale deterritorializzazione/riterritorializzazione ed alle complesse, ma epistemologicamente sempre efficaci, analisi di Deleuze e Guattari. Ineludibile il richiamo alla ricca narrativa scientifica esistente sugli articolati rapporti fra mutamenti tecnologici, territori ed espressioni artistiche e culturali. Probabilmente, è proprio in questo solco, in questa riflessione, che questa collettiva cerca (e trova pienamente) il proprio senso, la propria unicità. Le opere selezionate, infatti, parlano a chi le guarda e spianano il campo ad un’introspezione mai banale, spesso inattesa, dichiaratamente dialettica: passato e presente, ombre e luci, pesantezza e lievità, materialità e spiritualità, quali poli di una dualità intrinseca alla complessità dell’agire umano, svelano il disorientamento sempre più caratterizzante la nostra contemporaneità. A dispetto di una falsa parcellizzazione, “At Full Blast” apre, dunque, il sipario in un atto unico e richiama in scena, in primo piano, la sensibilità e l’emotività dell’osservatore attivando, sin dal primo incontro, quel sofisticato complesso di relazioni che si instaura, attorno all’opera, fra autore, oggetto e campo della rappresentazione. Dettagli, espansioni, torsioni, stupore, memoria, segni di discontinuità spaziali e stilistiche che evocano discontinuità nel tempo ma che – paradossalmente – riescono a restituire efficacemente il senso del contesto storico-sociale e la misura della complessità in cui siamo chiamati a vivere. L’arte contemporanea - è sempre più evidente - seduce inevitabilmente chi sa interpretare le metamorfosi del reale. Anche “At Full Blast” non sfugge a questa regola: è un caleidoscopio di linguaggi, forme espressive e sensoriali che sanno offrire spunti diversi a ciascun visitatore. E’ l’incantesimo inaspettato ed inimmaginabile (differente per ognuno ed in questo senso postmoderno) che ci dimostra, passo dopo passo, opera dopo opera, quanto – anche nell’era dei social e dei digital devices - la bellezza dell’arte senza limiti e dei luoghi ricchi di storia ed identità sappiano sorprenderci ancora. A tutto spiano.  Maurizio Brunialti – Sociologo
 

Inaugurazione prima tappa a Laterza il 17 giugno 2017 alle ore 19.30
 Laterza - Matera - Marina di Ginosa
giugno - luglio – Agosto

collaboratori del progetto
Maurizio Brunialti  - Antonio Giannini - Amalia Di Lanno - Letizia Gatti - Edi Media &;Messaggi Edizioni - Pino Coce - Max Mallardi - Mimma Stano - Angelo Moro - Lorenzo Antinora - Carmen De Stasio - Nicola Zilio - Tommaso Bradascio

Si ringrazia
Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo -  Matera 2019 Capitale Europea della Cultura - Comune di Laterza - Comune di Matera - Marina di Ginosa - Comune di Ginosa - Molino Mongermino - Chiave di volta - BCC Marina di Ginosa

artisti
 

EZIA MITOLO FRANCO ALTOBELLI  BEPPE LABIANCA CLAUDIA VENUTO GUIDO CORAZZARI LETIZIA GATTI PAOLO TINELLA ANGELA CONSOLI CONCETTA RUSSO  ANTONELLA VENDOLA LOREDANA CACUCCIOLO ANTONIA BUFI ORONZO LIUZZI ROSSANA BUCCI ARIANNA SPIZZICO GIUSEPPE VALLARELLI JOSEP MARIAALARCON ANTONIO LAURELLI GIOVANNI CARPIGNANO PIETRO DE SCISCIOLO ENZO GUARICCI  MARIANGELA CASSANO ANTONIO GIANNINI PAOLO DE SANTOLI JARA MARZULLI PINO COLONNA ANGELA REGINA FRANCESCO SANNICANDRO  - GIANNI DE SERIO -  DANIELA CHIONNA ROSA CONSALVO - GIULIO SPAGONE -  LINO SIVILLI PIERLUCA CETERA  WALTER LOPARCO FLAVIA D’ALESSANDRO VINCENZO MASCOLI FRANCO CORTESE DARIO AGRIMI MAURO ANTONIO MEZZINA  CARLO FUSCA AMEDEO DEL GIUDICE ANGELO CORTESE LAURA AGOSTINI PIETRO RICUCCI CLITOROSSO  

Angelo Elio Barabino | 17 giugno-2 luglio 2017



Alle ore 18 di sabato 17 giugno si inaugura al Circolo degli Artisti di Albissola Marina la mostra “Angelo Elio Barabino a Pozzo Garitta”. Presentata da Luciano Caprile, rimarrà aperta al pubblico fino al 2 luglio tutti i giorni, escluso il lunedì, dalle17 alle 22.


Negli spazi della storica fornace che, grazie all’impegno di Antonio Licheri, continua ad accogliere  autori il cui spirito creativo si nutre di una terra ligure densa di umori e parca di gesti, le opere di Angelo Elio Barabino trovano una adeguata collocazione. Come scrive Luciano Caprile nel testo che accompagna l’evento, “egli usa la materia pittorica alla stregua di un prezioso tramite adatto a raccontare l’aspra dolcezza di un paesaggio che ci appartiene nell’anima, che ci determina e ci marchia in modo inesorabile. (….) Barabino impasta e dispiega i suoi colori come se dovesse ogni volta ricondurre lo spirito della sua terra nel territorio, anche tattile, della suggestione”. In tale contesto nascono i suoi paesaggi che profumano sempre di mare e il mare, quando appare, si comporta come uno stato d’animo in continua mutazione: consuma le rocce e chiama a specchio le fronde che si stagliano contro il tramonto. Un discorso a sé meritano le barche lasciate riposare in un mutevole riverbero di luce: sembrano significare un ritrovato equilibrio dell’esistenza. Invece le nature morte, un altro dei temi preferiti, esibiscono talora un senso di caducità o l’effimero trionfo della bellezza nella sfioritura delle rose recise e accolte nella trasparente liquidità di un vaso.           Il tutto si compie dunque nella logica di un cammino di scavo interiore e di proposizione formale che sigilla il tempo e lo rende lontano da ogni opinabile misura: Barabino conduce ogni gesto a se stesso e quindi a noi che godiamo della sua arte. E che l’attuale rassegna alimenta e conferma.

NEL CAMPO DEL VICINO | 11 giugno-2 luglio 2017

NEL CAMPO DEL VICINO- Ba-sade ha-samuh - בשדה הסמוך
CRESCONO RADICI-Godlim shorashim- גדלים שורשים
mostra d’arte contemporanea
a cura di
Carla Crosio e Margherita Levo Rosenberg
Opera Barolo
Palazzo Falletti di Barolo
Via delle Orfane, 7, 10122 TORINO
11 giugno2 luglio 2017


Attraversiamo un’epoca storica di grandi cambiamenti, repentini e sorprendenti, che mettono a rischio la stabilità, l’identità dei popoli e dei territori, la nostra capacità di accoglienza della diversità, di condivisione delle culture altre e di restituzione pacifica del nostro disagio.
Il progetto di questa mostra emerge dal desiderio di un incontro, prima ancora che di un evento. Un incontro all’insegna della disponibilità, della capacità di ospitare ed offrirsi all’ospite, all’interno di una relazione condivisa che garantisca tutti. L’arte, in questo senso, diventa il linguaggio di cortesia per antonomasia, l’elaborato culturale della sublimazione dei sentimenti più ineducati e pericolosi, la trasformazione di quanto di più terribile alberga nelle viscere dell’umano, in armonia e bellezza.
Nel campo del vicino, evento d’arte contemporanea, nato da un progetto di collaborazione tra diversi enti culturali della città di Vercelli; la Comunità Ebraica, l’Arcidiocesi di Vercelli (Ufficio Beni Culturali) e Studio Dieci, un’associazione culturale per la promozione dell’arte contemporanea - che sta per compiere il mezzo secolo di attività – e dal sodalizio tra due artiste, Carla Crosio e Margherita Levo Rosenberg che insieme hanno pensato e curato la mostra – fa tappa a Torino, non a
caso nel secentesco Palazzo Barolo - grazie alla collaborazione e all’ospitalità dell’Opera Barolo - dove nel 1864 nasceva l’Opera Pia: unEnte che ha fra gli scopi fondativi la connessione di Cultura e Arte con lo sviluppo sociale per far dialogare mondi e culture; investire sulle giovani generazioni, offrendo loro formazione per promuovere lo sviluppo del capitale umano della città e del territorio e diventa. Qui la mostra prende modifica il suo titolo: “nel campo del vicino crescono radici”
La mostra recensita nel suo divenire da Dario Arkel, scrittore, saggista e poeta italiano, docente dell’Università di Genova e Roberto Mastroianni, filosofo teoretico, critico e ricercatore dell’Università di Torino cambia una parte dei suoi protagonisti come accade a chi, in vista di un viaggio saluta gli amici, ben sapendo che ne incontrerà altri.
La mostra, aperta dal 11 giugno al 2 luglio, inaugura domenica 11 giugno e resterà aperta al pubblico nel suggestivo spazio delle cantine di Palazzo Barolo, dal martedì alla domenica pomeriggio, dalle 15.00 alle 17.30 
Gli artisti, molti dei quali internazionali, israeliani ed italiani, hanno lavorato sul tema dello sconfinamento nel campo del vicino, inteso come spazio limitrofo, luogo di coltivazione, di cura e di nutrimento della terra dalla terra; ambito che rimanda alla vita e alla creazione primigenia e al suo equilibrio naturale. Il campo del vicino potrebbe diventare anche metafora della competizione e della bramosia, un altrove al quale si può guardare con occhio avido, desiderio di possesso e prevaricazione.
Sono queste le motivazioni che sottendono il progetto di una mostra metaforicamente “aperta”, che vuole favorire lo sconfinamento, nel pieno rispetto reciproco e che, in questa nuova sede, L’Opera Barolo di Torino – che simbolizza da secoli, e nel profondo, la disposizione umana all’accoglienza di questa città – vuole mettere l’accento sulla necessità di radicamento di una disposizione dell’animo; sulle radici comuni che possono e debbono essere nutrite per crescere e per dare stabilità agli alberi, metaforici degli esseri umani, oggi più che mai esposti ai venti, in ogni direzione.Gli artisti:
OSNAT BELKIND SCHEPS
ARIE BERKOVITZ
GIANNI CARUSO
CARLA CROSIO
SILVIA FUBINI
GIO’ GAGLIANO
ZOE GRINDEA
MARGHERITA LEVO ROSENBERG
VIRGINIA MONTEVERDE
TALI NAVON
INBALL OFMANN
DIEGO PASQUALIN
TERESA POLLIDORI
CLAUDIO ROTTA LORIA
ORNELLA ROVERA
TAMAR SHEAFFER
TAL SHOSHAN
TEA TARAMINO
MEIR TATÌ
LAURA VALLE
JOSYANE VANOUNOU
MOSHE VOLLACH
Dal 11 giugno al 2 luglio 2017
Ingresso gratuito
Inaugurazione 11 giugno dalle ore 16.30 alle 18.30
Chiusura 2 luglio ore 18.30
Opera Barolo
ingresso Via Corte d'Appello 20 - Tel. 011 26 36 111 -
info@palazzobarolo.it
Martedì | Mercoledì | Giovedì | Venerdì|Sabato: 15.00-17.30
Domenica: 15.00 -18.30
www.operabarolo.it - www.palazzobarolo.it

mercoledì 7 giugno 2017

WUNDERKAMMER - 10 - 25 giugno 2017

cittadellarte
WUNDERKAMMER
MERABIGLIA collettiva di Arti Visive
a cura di Adolfina De Stefani
San Marco 1958 Calle de la Fenice - VENEZIA
10 - 25 giugno 2017
inaugurazione 1° giugno 2017 ore 19.00


WUNDRKAMMER TRE - MERABILIA
Terzo appuntamento a Wunderkammer San Marco 1958 Calle de la Fenice VENEZIA.
Come nelle camere delle meraviglie seicentesche e settecentesche, vere e proprie collezioni di mirabilia, naturalia e artificialia, oggetti fantastici e inattesi che catturavano la curiosità dei visitatori, così gli eventi espositivi del ciclo WUNDERKAMMER vogliono rappresentare e divenire il luogo-contenitore nel quale raccogliere e mostrare al pubblico le produzioni artistiche più recenti (libero da rigorosi e vincolanti tagli critici) di gruppi eterogenei di artisti, ciascuno presente in mostra con pochi e selezionati lavori e posto in dialogo diretto con i linguaggi degli altri artisti invitati e con lo spazio di galleria.
Le collettive WUNDERKAMMER si alterneranno, intervallate da altri episodi espositivi, nella programmazione di cittadellarte; pittura, scultura, installazione, video, fotografia, azioni performative invaderanno ciclicamente le tre sale e il giardino della galleria senza soluzione di continuità, per sviluppare un complesso percorso espressivo, allo scopo di riflettere con il pubblico sui codici comunicativi ed espressivi dell’arte contemporanea.
Artisti presenti in questa edizione dal titolo MARABIGLIA sono:


Manù Brunello
Rossana Bucci
Franz Chi
Nelli Cordioli
Adolfina De Stefani
Sabrina Grossi
Kate Kalniete
Oronzo Liuzzi
Agustina Perez Pellegrini
Gabriella Santuari
Pietro Scarso
Andrea Tagliapietra
orari: mercoledì, giovedì, venerdì, sabato e domenica 15.30 – 20.00
lunedì e martedì chiuso

Associazione Culturale cittàdellarte
San Marco 1958 Calle de la Fenice VENEZIA

+39 349 8682155  

I mercoledì di Pozzo Garitta 2017 - 12 giugno-20 settembre 2017


Terra, madre Terra - 17-28 giugno 2017

Terra, madre Terra




Sabato 17 giugno 2017, alle ore 18,00 a Maratea, presso la galleria Dna- Marateacontemporanea, Via dell'Unità d'Italia 16, si inaugura la mostra “Terra, madre Terra”, presentata da Silvia Del Campo.
L’esposizione rimarrà aperta fino al 28 giugno, secondo il seguente orario: dal lunedì al sabato dalle 18,00 alle 21,00.

L’evento che è stato promosso dalle Associazioni culturali Fuori Centro di Roma, DNA Marateacontemporanea di Maratea e Trebisonda di Perugia, avrà un percorso itinerante nelle rispettive sedi, nel seguente ordine:
Maratea - Dna- Marateacontemporanea, dal 17 al 28 giugno 2017
PerugiaTrebisonda,  dal 23 settembre al 15 ottobre 2017
RomaStudio Arte Fuori Centro, dal 5 al 22 dicembre 2017

40 artisti sono qui chiamati a intervenire su un tema di scottante attualità, come testimoniato dal proliferare di iniziative, mostre, dibattiti, scritti, eventi in corso o già avvenuti nel recente passato, dedicati a questo tema.  Tema cruciale e di grande impatto, declinato in varie accezioni e crocevia di molte visioni e scuole di pensiero, foriero di  inquietudini diffuse e percepibili a ogni livello circa il destino della Terra, non essendo chiaro se l’attuale crisi globale preluda a un cambiamento epocale (palingenesi) o all’estinzione dovuta non solo ad un eventuale cataclisma o catastrofe cosmica (ad esempio i cambiamenti climatici o l’esaurimento delle fonti di energia) ma anche, o invece, ad una sorta di esaurimento di ogni forma di speranza e solidarietà.   In questo contesto, come evidenziato dal titolo “Terra, madre Terra”, si vuole offrire non solo una visione laica del mito della Dea Madre ma nel contempo una serie di riflessioni che riguardano la percezione, la sensibilità, la consapevolezza o la rimozione, il timore o la coscienza che quello dell’uomo contemporaneo sia il destino dei penultimi.
GLI ARTISTI:
Minou Amirsoleimani, Maria Cristina Antonini, Franca Bernardi, Francesco Calia, Antonio Carbone, Elettra Cipriani, Marcello Corazzini, Carla Crosio, Mariangela De Maria, Stefania Di Filippo, Lucia Di Miceli, Gabriella Di Trani, Mavi Ferrando, Danilo Fiorucci, Salvatore Giunta, Raffaele Iannone, Robert Lang, Silvana Leonardi, Margherita Levo Rosenberg, Mimmo Longobardi, Nazareno Luciani, Paola Malato, Giuliano Mammoli, Rita Mele, Patrizia Molinari, Sandra Maria Notaro, Aurora Paccasassi, Emilio Patalocchi, Teresa Pollidori, Giuseppe Ponzio, Lucilla Ragni, Rosella Restante, Marcello Rossetti, Alba Savoi, Grazia Sernia, Ernesto Terlizzi, Sabrina Trasatti, Ilia Tufano, Oriano Zampieri, Gaetano Zampogna
  
INFORMAZIONI:
DNA Marateacontemporanea
Maratea - Via dell'Unità d'Italia,16 centro storico
Te l+39 330685875 - iannoneraffaele@libero.it

Raffaele Iannone - 14-30 giugno 2017

Spazio aperto 2017

Raffaele Iannone
"Limiticromatici"

Mercoledì 14 giugno 2017, alle ore 18,00 a Roma, presso lo Studio Arte Fuori Centro, via Ercole Bombelli 22, si inaugura la mostra di Raffaele Iannone “"Limiticromatici" a cura di Pasquale Persico.
L’esposizione rimarrà aperta fino al 30 giugno, secondo il seguente orario: dal martedì al venerdì dalle 17,00 alle 20,00.

L’evento è il secondo appuntamento di Spazio Aperto 2017 ciclo di quattro mostre in cui l’associazione culturale Fuori Centro invita gallerie e critici a segnalare ambiti di ricerca in cui delineare i percorsi e gli obiettivi che si vanno elaborando nelle multiformi esperienze legate alla sperimentazione.
  
Raffaele Iannone nella sua lunga carriera artistica ha sempre vissuto con intensità il bisogno di “superare il limite” dell’espressione artistica fine a se stessa attraversando con esperienza e perizia tecnica i territori ardui e passionali della ricerca. Un intenso lavoro l’ha portato ad incontrare diversi linguaggi stilistici ed estetici fino ad approdare oggi ad una sintesi raffinata che ci propone, in opere e composizioni capaci di comunicare con immediatezza ed eleganza, emozioni e pensieri che guardano a problematiche e concetti della realtà.
L’artista propone una serie di pannelli, dipinti con stesure compatte di colore, su multistrato rettangolare che ci restituiscono ritmi, limiti, passaggi, dominanze. L’essenza stessa della materia-colore opaca, suggerisce una riflessione dello stato d’animo come atto co-creativo attraverso il dialogo con l’ambiente circostante.
“Ecco allora i colori, gli aggettivi e i sostantivi si mescolano nel loro congiungersi per creare altri colori, altre possibilità, altre opportunità, altre raffigurazioni animali come la farfalla chiamata Apatura iris, comunemente chiamata iride”. (A.Segrè)
Raffaele Iannone è nato a Napoli, vive e lavora a Maratea. 


Francesco Calia e Luciano Puzzo - 8-15 giugno 2017


 
 DIALOGHI CON/TEMPORANEI
A cura di Monica Ferrarini – testo critico di Paola Donato


Giovedì 8 giugno 2017 dalle ore 18,00 alle ore 21,00 a Roma nello spazio espositivo ARTE BORGO GALLERY, Borgo Vittorio, 25 si inaugura la mostra DIALOGHI CON/TEMPORANEI, di Francesco Calia e Luciano Puzzo. L’esposizione rimarrà aperta fino al 15 giugno e sarà visitabile nei seguenti orari: lunedì ore 15 – 19, da martedì a sabato ore 11 – 19.
  
DIALOGHI CON/TEMPORANEI vuole essere una doppia personale che propone l’incontro e il confronto tra due autori di alto livello artistico in un connubio di opere recenti accuratamente selezionate.
Un sodalizio tra due importanti artisti che comunicano attraverso i loro personali linguaggi senza creare intrecci caotici tra stili e concetti differenti: un confronto costruttivo e armonico che mantiene le peculiarità artistiche di entrambi ben distinte e in perfetto equilibrio le une con le altre.
Francesco Calia e Luciano Puzzo sono artisti che hanno fatto dell’arte la loro ragione di vita e che qui presentano parte del loro percorso di ricerca senza cadere in quello che sarebbe stato un semplice soliloquio asettico, bensì attraverso uno scambio proficuo che stimola l’osservatore a scorgere e decodificare messaggi e contenuti.
Quella che si respira è un’atmosfera fatta di stimoli creativi tra autori che procedono in maniera autonoma accomunati dalla volontà di esprimere liberamente i propri pensieri, le proprie idee, i propri sentimenti, i propri input creativi.
Il titolo della mostra gioca sul significato di “temporaneità”, facendo emergere il senso della dimensione temporale consolidata nel momento attuale, del qui e ora.
L’evento pone dunque l’accento sul carattere provvisorio del tempo, sul suo aspetto transitorio e momentaneo dove l’opera diventa dispensatrice di un messaggio destinato a cambiare per assumere nuovi significati e al contempo un qualcosa di immediatamente fruibile che appartiene saldamente al presente.

mercoledì 31 maggio 2017

Franco Repetto - 3-25 giugno 2017



CIRCOLO CULTURALE ELEUTHEROS
presenta:
Glenda pintus
partiture fossili
a cura di Franco Repetto
inaugurazione sabato 3 giugno 2017 ore 18.00
la mostra sarà visitabile sino al 25 giugno 2017

Albissola Marina (SV) Via Cristoforo Colombo 23
tel. 320 2636502
orario mostra: 17.00 - 19.30; Lunedì chiuso
Ingresso libero

LO SGUARDO ALLA MEMORIA - 2 GIUGNO 2017

BOLOGNA- 2 GIUGNO
LO SGUARDO ALLA MEMORIA

Teatro degli Angeli – Oratorio Santa Croce -
Via Massa Carrara 3, angolo Via Arno -

L’ evento vede alcuni artisti farsi carico di ricordare episodi legati alla Resistenza.
La Resistenza fa parte della nostra storia passata nazionale e non possiamo dimenticare l'importanza che ha ricoperto..
Oggi più che mai. Rivolto soprattutto ai giovani e non solo e in concomitanza con la Festa Nazionale del 2 giugno.

Spazio espositivo: Teatro degli Angeli – Oratorio Santa Croce - Via Massa Carrara 3, angolo Via Arno - Bologna
Titolo dell’evento: Lo Sguardo alla Memoria

vernissage: 2 giugno 2017 Ore 16 fino a 15 giugno 2017 .
Orari serali in concomitanza con gli spettacoli . ore 19 - 22
Per gruppi a richiesta. Informazioni: 3930518084
Abstract di presentazione : gli artisti sono stati invitati a produrre fotografie riguardante “segnali” d’iscrizioni, tombe , ecc. riguardanti Partigiane e Partigiani morti durante la Liberazione. Queste foto saranno esposte dal 2 giugno.
Durante l’inaugurazione saranno lette pagine di racconti, lettere ecc. e proiezioni video.

Curatore: Rita Fortunato

Artisti:
Antonio Caranti - Lamberto Caravita -
Benedetta Jandolo - Rossella Ricci

Letture:
Grazia Negrini - leggerà il racconto "La coincidenza" tratto da "La montagna disincantata" edito da Fernandel,
febbraio 2017

Rossella Ricci - leggerà alcune lettere del Partigiano Umberto Ricci.

Video:
Cecilia Luzzi – Presentazione del video - MONTE SAN PIETRO 7 OTTOBRE 1944 T'ARCORDET -
La deportazione per lavoro forzato in Germania tra il 1944 e il 1945 raccontata dalle voci e dai documenti di alcuni testimoni.

Un film-documentario di Claudio Contri e Lamberto Stefanini - 2011
organizzazione e realizzazione: Cinerana - La Conserva - ANPI Sezione di Monte San Pietro

Eventuali recapiti specifici dell’evento: tel 051224243