lunedì 3 dicembre 2018

Luciano Barale - 2-30 dicembre 2018


Carlo Iacomucci



Il maestro Carlo Iacomucci da Stoccarda al Premio Marche 2018
di Patrizia Minnozzi

I riconoscimenti artistici per il Maestro Iacomucci non finiscono mai… è di appena un mese fa la notizia che alcune sue opere, appartenenti alla prestigiosa collezione d’arte contemporanea del CESMA Centro Studi Marche di Roma, sono state esposte al Rathaus di Stoccarda, durante un importante evento dal titolo” Uno sguardo sulla cultura delle Marche”.

I riflettori dell’arte per Iacomucci non si sono ancora spenti e, alcuni giorni fa, l’artista urbinate è stato invitato a partecipare, con alcune sue opere, al Premio Marche 2018-Biennale d'Arte Contemporanea: la celebre manifestazione espositiva che, fin dagli anni Cinquanta, si è caratterizzata come una delle più significative nel territorio della Regione Marche e di valenza nazionale.

Il Premio Marche 2018 si propone di valorizzare l'attività degli artisti delle Marche e di accrescere la sensibilità e le conoscenze dei marchigiani nei confronti delle arti figurative e visuali. Il suo scopo è quello, altamente meritorio, di promozione dell'arte contemporanea in Italia al fine d'individuare artisti, anche affermati, e giovani con spiccate qualità tecniche e poetiche.

Con questa edizione 2018, il Premio Marche, torna a essere la celebre Biennale d’Arte Contemporanea, che, per l’occasione, è stata inaugurata nella cornice del bellissimo e imponente Forte Malatesta di Ascoli Piceno e rimarrà aperta fino al 31 gennaio 2019.

Il Premio Marche, da sempre legato alla città di Ancona, in questa speciale occasione diventa itinerante e verte sul tema dell’interpretazione artistica come armonia ed è dedicato agli artisti marchigiani operanti nella regione, siano essi già affermati oppure emergenti, selezionati e, successivamente, invitati dal Comitato Scientifico.

Al tavolo degli organizzatori erano presenti:il Prof. Fabio Mariano, il Prof. Stefano Papetti, il Prof. Stefano Tonti , la dott.ssa Arianna Trifogli e il sindaco di Ascoli Piceno Avv. Guido Castelli.

Numerosa l’affluenza del pubblico, come anche la presenza di tanti artisti provenienti da tutta la Regione, tra i quali anche il Maestro Carlo Iacomucci, con una sua opera, come testimonianza diretta della fertile carriera di artista e di incisore. Personaggio eclettico, Iacomucci nella sua pluriennale carriera artistica, si è cimentato in percorsi e stili differenti che hanno avuto, come denominatore comune, la tematica del segno attraverso i motivi ricorrenti delle gocce o tracce o segni, che rappresentano la sua inconfondibile impronta.

I premi prestigiosi e i molti riconoscimenti ricevuti nel corso della sua carriera, rendono il Maestro Iacomucci, il testimonial ideale per mantenere alto il nome delle Marche non solo in Italia, ma anche fuori dai confini nazionali.

Prossimi appuntamenti per Iacomucci: un’ opera in omaggio alla mostra in onore di Padre Stefano Troiani a Sassoferrato; in seguito, Iacomucci terrà una conferenza sulle tre tecniche dell’incisione a Civitanova Marche, e successivamente a Firenze e Spello. Iacomucci nasce e studia ad Urbino, vive e opera a Macerata. Info.320.0361833


Patrizia Minnozzi

NEMMENO CON UN FIORE - 24 novembre 2018 - 10 marzo 2019


Gabriella Di Trani - 5-21 dicembre 2018


Via Ercole Bombelli 22, 00149 Roma – 06.5578101 – 328.1353083
 Spazio aperto 2018
 Gabriella Di Trani

AUTOBIOGRAFIA DI ALICE DDT
1977  Opere di Gabriella di Trani

Mercoledì 5 dicembre 2018, alle ore 18,00 a Roma, presso lo Studio Arte Fuori Centro, via Ercole Bombelli 22, si inaugura la mostra “Autobiografia di Alice DDT - 1977 Opere di Gabriella di Trani” a cura di Ivana D’Agostino.

L’esposizione rimarrà aperta fino al 21 dicembre, secondo il seguente orario: dal martedì al venerdì dalle 17,00 alle 20,00, altri orari su appuntamento.

L’evento è l’ultimo appuntamento di Spazio Aperto 2018 ciclo di quattro mostre in cui l’associazione culturale Fuori Centro invita gallerie e critici a segnalare ambiti di ricerca in cui delineare i percorsi e gli obiettivi che si vanno elaborando nelle multiformi esperienze legate alla sperimentazione.

La mostra vuole essere una riflessione sulla lunga ricerca artistica che Gabriella Di Trani ha dedicato al tempo nel divenire ciclico.

Gabriella mette in evidenza i contrasti, le discrepanze del nostro quotidiano vivere. Rende visivo il continuo ripercorrersi di passato, presente e futuro comune al destino degli uomini. Fa richiami ai simboli del tempo e alle sue componenti allegoriche, lungo un filo di teatralità dove non ha perso di vista l’indicazione della pop art.

I suoi sono: colori squillanti, segni, segnali, suoni, che attraversano il vivere amalgamandosi a ricordi, fregi, scritture, frazioni di storia dell’arte, in un tempo che scorre come su un nastro, un tempo senza spessore, dove tutto è sempre qui ed ora.

SMALL ART - 5 dicembre-5 gennaio 2019

SMALL ART
VIII^ Rassegna Nazionale del piccolo formato
a cura del collettivo ADSUM
Espongono:ILARIA ZINGARO; LIVIO VIOLANTI; PAOLO TINELLA; PIETRO TEMPESTA; LUIGI SERGI; GIUSEPPE SCIANCALEPORE; PINO SCOZZAFAVA; PINO SPADAVECCHIA; ISABEL SPAGNOLETTA; ALBA SAVOI; ALDO SARACINO; PIERO SANI; VITTORIANA RUTIGLIANO; DARIO RUGGIERO; MASSIMO ROMANI; MYRIAM RISOLA; BRUNO PIEROZZI; STEFANIA PELLEGRINI;SALVATORE ORLANDO; MASSIMO NARDI;GIOVANNI MORGESE; MAURO MOLINARI; PASQUALE MILLICO; GUIDO MARGINI; ORONZO LIUZZI; ANTONIO LAURELLI; CLAUDIO GIULIANELLI; ELISABETTA GADALETA; GIUSEPPE FIORIELLO; NICOLA FILAZZOLA; EDOARDO DE STEFANO; NINO DE SCISCIOLO; GIOVANNI DE SCISCIOLO; VITO DE LEO; ENRICO DE LEO; FRANCO CORTESE; ANGELA CONSOLI; UMBERTO COLAPINTO; VITO CIMA; FRANCO CEGLIE; MICHELE CARADONNA; ROSSANA BUCCI; ALFREDO BRIGANTI BELLINI; CECILIA BOSSI; MARIA BONADUCE; UMBERTO BASSO; LEONARDO BASILE; MARIA LUISA ANTONELLI; COSMO ALLEGRETTA; GRAZIA MARIA ADDANTE; MARIA ADDAMIANO.
Vernissage martedì 5 dicembre 2018 ore 18,30
Presso
ADSUM artecontemporanea
Via Marconi 3/5 (Palazzo della Meridiana) Terlizzi (BA)
visitabile dal 5 dicembre 2018 al 5 gennaio 2019
orari: dal lunedì al sabato 10,00 -12,30 ;18,00 - 20,00 chiuso giovedì pomeriggio e festivi. Durante questo periodo si terranno nella stessa sede altri eventi collaterali.
Anche quest’anno ADSUM vuole esserci, come la sua stessa essenza propone.
Si inaugura il nuovo capitolo di SMALL ART rassegna nazionale del piccolo formato che ritorna nella sua VIII^ edizione.
L’intento del progetto è riunire artisti e spettatori in un unico spazio e fare del “dono” la forza di gravità di questo mondo. Come hanno posto in rilievo molti, tra critici e storici dell’arte, negli ultimi tre decenni «le pratiche partecipative hanno ottenuto nuovo fervore e privilegiato l’aspetto politico, auspicando un risveglio dell’operare comune»
Sulla scia di questo rinnovato slancio, il nostro obbiettivo è centrare l’attenzione su di un paradosso : la costitutiva essenza plurale di ogni singolare, che è uno ed insieme tutti. Proporsi intenti del genere è una sfida ardua e per certi versi vana, perché va contro i meccanismi stessi dell’«industria della cultura».
Ai nostri giorni la condivisione è onnipresente ma virtuale e grazie ai mezzi e all’immediatezza attraverso cui si propone sta diventando sempre più spesso inconscia e non motivata.
L’arte è condivisione, ma quella più intima e profonda, e con questo evento Adsum vuole omaggiarla.
Tanti gli artisti che partecipano, noti o emergenti, attraverso diverse forme artistiche e diverse tecniche espressive, donando e condividendo la loro opera con lo spettatore fortunato che vorrà partecipare alla nostra fund rising sorteggio d’arte.
Le date di apertura e chiusura dell’evento coincidono, non a caso, con due importanti festività: 5 dicembre vigilia della festa di S. Nicola , santo molto venerato in terra di Bari, festività caratterizzata dallo scambio di doni e il 5 gennaio vigilia dell’Epifania.

mercoledì 31 ottobre 2018

ARBRE MAGIQUE - 10 novembre-22 dicembre 2018

ARBRE MAGIQUE
RENZO NUCARA + CARLA VOLPATI


SHOWCASES GALLERY
(by Franco Crugnola Studio di Architettura)
Via San Martino della Battaglia, 11
21100 Varese
Dal 10 novembre al 22 dicembre 2018

A cura di Franco Crugnola
Catalogo SGE con testo introduttivo di Franco Crugnola

Inaugurazione: sabato 10 novembre, ore 17.00

Ingresso libero

Il nostro studio-galleria è lieta di ospitare due tra i più famosi artisti italiani nel mondo quali Renzo Nucara e Carla Volpati.
Il loro lavorare a quattro mani, partendo dalla loro storia e dal loro percorso indivuduale, scaturisce nella serie di lavori dal titolo “Arbre Magique” qui presentati.

Il progetto ARBRE MAGIQUE che Renzo Nucara e Carla Volpati portano avanti da alcuni anni nasce dall’incontro dei singoli percorsi artistici: gli animali di Renzo Nucara e i personaggi immaginifici, chiamati Puppet di Carla Volpati. Popolato o ricreato con la leggerezza delle sue sagome sospese, l’albero si trasforma in un Arbre Magique, sorprendendo lo spettatore e al tempo stesso trasmettendo a chi lo guarda un messaggio di attenzione nei confronti della natura e salvaguardia della biodiversità. 
Dall’albero magico derivano i Magic Box, opere ‘suspendu’ dove fanno la loro comparsa anche astri e pianeti.

La mostra si completa con dei lavori fatti singolarmente dai due artisti nel corso del loro differente percorso, che mettono in luce ed evidenziano le singolari peculiarità e contamionazioni di ciascuno all’interno del progetto comune “Arbre Magique”.
Franco Crugnola

RENZO NUCARA
Renzo Nucara è tra i fondatori del gruppo Cracking Art. Alle installazioni con il gruppo ha sempre affiancato la sua ricerca artistica, che negli anni recenti si è focalizzata su opere in plexiglas: Stratofilm (strati di metacrilato che inglobano oggetti ritrovati o del quotidiano) e Shape (forme e animali che contengono altre forme).

CARLA VOLPATI
Carla Volpati ha iniziato il suo percorso artistico alla fine degli anni novanta, con opere composte da “frammenti di natura” (ciottoli, piccoli sassi) dall’impronta quasi zen per arrivare a sequenze più complesse, all’uso deciso del colore e a maggiore varietà di materiali. A partire dal 2010, con la serie “Made in Italy”, realizza cicli di opere: In fila per sette, Puppets e Inabox.

I loro lavori sono collocati nei più importanti musei e gallerie nazionali ed internazionali.

INFORMAZIONI UTILI
TITOLO DELLA MOSTRA: ARBRE MAGIQUE – mostra di RENZO NUCARA E CARLA VOLPATI

MOSTRA A CURA DI: Franco Crugnola

CATALOGO: edito da SGE

Mostra realizzata in collaborazione con la rivista BIANCOSCURO ART MAGAZINE

SEDE ESPOSITIVA: SHOWCASES GALLERY (by Franco Crugnola Studio di Architettura)
                     Via San Martino della Battaglia, 11 – 21100 Varese
INAUGURAZIONE: SABATO 10 novembre ore 17.00
DATE DI APERTURA: 10 novembre – 22 dicembre 2018
GIORNI E ORARI DI APERTURA:
DAL LUNEDI AL VENERDI 9.00-12.30 e 15.00 – 17.00
SABATO E DOMENICA SU APPUNTAMENTO telefonando al 338 2303595

info e contatti TEL: 338 2303595 / +39 0332 237529

EMAIL: showcases.gallery@gmail.com   

WEB: http://showcasesgallery.blogspot.it

UN PROGETTO PROMOSSO DA:

Dott. Arch. Franco Crugnola

Franco Crugnola Studio di Architettura
Via S. Martino Della Battaglia, 11
21100 Varese (Italia)

SHOWCASES GALLERY (by studio di architettura Franco Crugnola)
Via San Martino della Battaglia, 11
21100 Varese

Fabio Dolci - 3-25 novembre 2018


L'INFERNO DI DANTE - 1 novembre 2018 - 9 dicembre 2018


Domenica 11 novembre 2018 
alle ore 16.00 
inaugura la mostra d'arte contemporanea, 
pittura , scultura e ceramica 
l'INFERNO DI DANTE 
alla Galleria d'Arte del Cavallo
via F.lli Cervi 1-Valleggia (Sv)

Saranno presenti la dott.ssa Anna Maroscia, 
presidentessa del comitato di Savona della Società Dante Alighieri , 
la dott.ssa Sandra  Salucci da Perugia
 e l'artista Jacopo Marchisio 
che reciterà alcuni passi dell'Inferno in italiano e dialetto genovese.

Al termine un brindisi .

La tua presenza ci farà molto piacere.
Ingresso libero.
  
La scelta di un tema così difficile ed ambizioso come l’INFERNO di Dante da proporre agli artisti come spunto di riflessione e di creazione viene dal desiderio di riportare al centro della nostra attenzione il potente messaggio che esce dalla sua opera : l’Uomo non è nato per “ viver come bruto ma per seguir virtute e conoscenza” ( Ulisse , Inferno), ossia credere, amare ed operare per il bene della comunità e non solo di se stesso.
Ecco che per tali convinzioni egli diventa l’esempio da portare alla gioventù di oggi e a quanti si interrogano sulla propria esistenza, in un mondo come il nostro, distratto e superficiale, dedito solo al consumismo e al proprio tornaconto.
I personaggi che escono fuori vivi e potenti dalle pagine scritte dal “ sommo poeta” rimangono eterne e si ritrovano in questa mostra :
Paolo e Francesca, Ulisse, Caronte, il conte Ugolino, i suicidi, le tre belve voraci la Lussuria, la Superbia, l’Avarizia…reinterpretati in chiave personale da ogni singolo artista che usando differenti tecniche ha rielaborato in chiave contemporanea emozioni e sentimenti che vivono fuori dal Tempo.
Gli artisti, pittori, scultori, ceramisti invitati ad esprimersi su tale tema sono 44 e provengono da diverse regioni italiane ed anche dall’estero.     Luciana Bertorelli


Vittorio Vanacore -14-30 novembre 2018




Via Ercole Bombelli 22, 00149 Roma – 06.5578101 – 328.1353083

 Spazio aperto 2018
“Nero alla deriva”
  
Mercoledì c, alle ore 18,00 a Roma, presso lo Studio Arte Fuori Centro, via Ercole Bombelli 22, si inaugura la mostra di Vittorio Vanacore “Nero alla deriva” a cura di Michelangelo Giovinale.
L’esposizione rimarrà aperta fino al 30 novembre, secondo il seguente orario: dal martedì al venerdì dalle 17,00 alle 20,00, altri orari su appuntamento.

L’evento è il terzo appuntamento di Spazio Aperto 2018 ciclo di quattro mostre in cui l’associazione culturale Fuori Centro invita gallerie e critici a segnalare ambiti di ricerca in cui delineare i percorsi e gli obiettivi che si vanno elaborando nelle multiformi esperienze legate alla sperimentazione.

Il nero è quel lato oscuro della personalità in ciascuno di noi e che spesso rinneghiamo.
È la notte della coscienza, di caverne, di ombre e di mostri. Coprente, denso, catramoso. Sospinto fino ai bordi.
Il nero è una esperienza limite, per un artista una coltre insuperabile, un confronto durissimo. Un corpo a corpo con la pittura, fra il desiderio della vita e l’avanzare della morte.
Dentro questo campo d’azione prende corpo l’opera di Vittorio Vanacore.
Attraverso la pittura, il suo sguardo si allunga fin dentro le viscere dell’umanità.
Un’indagine nel tessuto sociale del nostro tempo - sempre più clandestino - dove processi di integrazione e di multiculturalità, di dignità umana, si consumano nel respingimento, nell’esclusione dell’altro. In un astratto “noi”.
La ricerca artistica di Vanacore è viscerale, come i suoi neri. Totali, coprenti. Negano la luce. Le superfici pittoriche sono arse sotto il sole cocente d’agosto. Ustionate.
Sono opere calate nei drammi dell’umana attualità. Storie di migranti, reali, come i viaggi della speranza. Di terre lontane, di partenze e mancati approdi.
L’astrazione della sua pittura - in maniera quasi paradossale - restituisce drammaticamente uno scenario di realtà, nella sua manifestazione più nuda e cruda, come le sue fragilissime barchette di carta, adagiate, nelle sue opere, in precario equilibrio, su fili tesi da un capo all’altro dei dipinti.
Evocano improbabili rotte mediterranee. Un tempo specchio e riflesso, di luci lontane. Di sogni, di miti, di mete. È il nero della vita che Vanacore oggi raccoglie.
Alla deriva dell’umanità.

3' Festival "OGGETTO LIBRO" - 7 novembre-7 dicembre 2018


Veronique Pozzi Painè - libro d'artista "SE SOLO SAPESSI"- 
rielaborazione di spartito musicale -  
selezionato per essere esposto presso la Biblioteca Nazionale Braidense 
in occasione del 3' Festival "OGGETTO LIBRO". 

Inaugurazione : mercoledi 7 novembre ore 17.00


SBLU_spazioalbello

via A. Cecchi 8 
20146 Milano
t. 02 48000291


“NOI NO. NOI NO, NOI!” la violenza no - 08 novembre-25 novembre 2018


EVENTO ARTISTICO
REGIONE LOMBARDIA

NOI NO. NOI NO, NOI!”  la violenza no
Palazzo della Regione Lombardia, Spazio Mostre
Via Luigi Galvani 27 - Milano

con il Patrocinio della Regione Lombardia, l'evento ideato dalla Curatela in sintonia con gli Artisti contemporanei che da anni pongono attenzione a realtà presenti nella Società attuale e, con piena consapevolezza, senza essere Giudici ma attenti osservatori ne rimarcano le più cruente situazioni che, con la propria Opera pone il fruitore innanzi al fatto e, con la consapevolezza che i Testimoni oramai consapevoli possono e devono attivarsi per migliorare e migliorasi.

Inaugurazione: giovedì 8 novembre 2018 - ore 17,30
Rinfresco:dopo la presentazione - ca. h. 18,30
apertura: tutti i giorni in orari 10,30 / 19,00
finissage: domenica 25 novembre 2018

durante l'evento sono programmate giornate a tema con invito a personaggi dalla Cultura, dell'Arte, dello Spettacolo e della Politica che caratterizzeranno le profonde motivazioni socio-culturali.
L'epilogo dell'evento è strutturato nella “Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne” e un drink sarà la conclusione.

titolo “ NOI NO. NOI NO, NOI!”  la violenza no

artisti:     Peter Hide 311065
             Ralph Hall
             Michele Tombolini

curatela: Vittorio Viola - esperto d'arte, gallerista e editore
             Marika Viola - p.r. artist management – gallerista

Testo critico e presentazione: Martina Corgnati

*   Peter Hide 311065 attraverso opere artistiche con la presenza della carta-moneta intrisa di sangue, circondata da filo spinato e in altre forme descrive il pensiero della violenza psicologica che ottiene il potere del denaro nell'attuale civiltà del consumismo.
*  Ralph Hall con le sue sculture raffiguranti il mondo animale, ove la violenza dell'uomo causa profonde ferite, manifesta in chiara lettura l'attenzione profonda verso tale forma di violenza, anche sconsiderata che l'uomo infligge. A volte gratuitamente.
*   Michele Tombolini con i sui dipinti e le sue sculture nella storica “...e luce fu...” racconta la possibilità dell'amabile convivenza con il bello e con il rispetto che appare chiaramente compromessa attraverso la tematica ivi rappresentata per esprimere il disappunto contro la violenza sulla donna e sull'infanzia.   

INFORMAZIONI UTILI

TITOLO DELLA MOSTRA: “NOI NO. NOI NO, NOI!”  la violenza no
-mostra tri-personale di Peter Hide 311065, Ralph Hall, Michele Tombolini -

curatela: Vittorio Viola – esperto d'arte, gallerista e editore
               Marika Viola -   p.r. artist management – gallerista

Testo critico e presentazione: Martina Corgnati

SEDE ESPOSITIVA: Palazzo della Regione Lombardia, Spazio Mostre - Via Luigi Galvani 27 Milano (MI)

INAUGURAZIONE: giovedì 8 novembre 2018 - ore 17,30
Rinfresco:                    dopo la presentazione - ca. h. 18,30
finissage:                   domenica 25 novembre 2018

DATE DI APERTURA: 08 novembre – 25 novembre 2018
GIORNI DI APERTURA: tutti i giorni in orari 10,30 / 19,00


venerdì 19 ottobre 2018

Manuel Ruiz Ruiz - 24-30 ottobre 2018

Manuel Ruiz Ruiz 
24-30 ottobre 2018

Paola De Rosa - 22-27 ottobre 2018



Margherita Levo Rosenberg - 19 ottobre-6 novembre 2018


Margherita Levo Rosenberg
Io sono quel che sono   - Post_reality test
Palazzo Imperiale -Piazza Campetto 8 Genova
dal 19 ottobre al 6 novembre
Inaugurazione venerdi 19 ottobre ore 18.00
Acura di
Viana Conti

Io sono come l’albero che perde le sue foglie
Se fossi la Pittura le ridipingerei
Io sono come il tronco che affonda le radici
Se fossi la Scultura forse le taglierei
Dei fiori sono l’ape che sugge il biondo miele
Se fossi Madre Terra gli odori spargerei
Dei rami sono il frutto e pure la farfalla
Se fossi la Poesia gli amori scriverei
Ma sono solo il vento che soffia nei colori
E poi raggiunge Il mare e increspa le sue onde
Sparisco all’orizzonte e non ritorno mai
Semmai mi ripresento con un vestito nuovo
Io sono quel che sono, mi riconoscerai?



Margherita Levo Rosenberg, artista contemporanea,  presenta a Genova nei saloni del cinquecentesco Palazzo Imperiale, nel contesto del Festival della Scienza con parola chiave Cambiamenti e Paese ospite Israele, la personale dal significativo titolo Io sono quel che sono, con il sottotitolo Post-reality test, ambito in cui si riconosce operante e termine con cui ama autodefinirsi. La sua opera d’artista, psichiatra, arte-terapeuta, saggista in prosa poetica, ideatrice di filastrocche ritmate su assonanze, rime, allitterazioni, oscillanti tra il cult e il pop, si riflette nella forma, nel pensiero che la sottende, nella fluidità dei riferimenti che la connotano.
Io sono quel che sono intitola una mostra che sottoscrive, su un versante, una messa in crisi della stabilità delle certezze, siano esse etiche, estetiche, identitarie, percettive, fenomenologiche, scientifiche, confessionali, filosofiche, e sull’altro versante sottoscrive un atto di fede, paradossale, nell’impermanenza delle cose  e nell’indeterminatezza delle realtà.  L’affermazione apodittica Io sono quel che sono detiene una potenzialità tautologica per cui potrebbe essere ribaltata nell’enunciato Io non sono quel che non sono, senza perdere né accrescere il suo portato di senso. Ecco da dove scaturisce la fluidità della sua Pittura fluttuante che scorre, corre fuori dal quadro, dalla cornice, per farsi cespuglio di filamenti vibratili, viluppo di steli e di pensieri che si imprimono sulla verginità di pellicole radiografiche trasparenti, di colorazioni a dominante azzurra, per corpi frammentati, per organi della mente, della poesia, dell’immaginario. Il ciclo di questi grovigli esplosivi e cangianti si dissemina sulle pareti o si assembla in cerchio nello spazio, per immergere lo spettatore in un paesaggio reale e metaforico insieme che, per un effetto cinematografico, voluto dall’artista tramite la sovra-proiezione di un video, riporta chi guarda subito nello scenario vibrante della Natura, Nella Sala degli affreschi di Bernardo Castello entra magicamente la prima edizione illustrata, stampata a Genova nel 1590, del poema eroico di Torquato Tasso La Gerusalemme Liberata. Con gesto poetico-letterario, Margherita Levo Rosenberg esprime il suo omaggio, a testo e contesto, ideando un’installazione aerea, site-specific, intitolata Pensieri migranti, esposta nel salone come un volo alto di rondini. Si tratta di frammenti del Poema tassiano stampati su pellicole radiografiche celesti, colore rinviante alla bandiera d’Israele, da riavvolgere manualmente su se stessi.
Ma non è tutto.L’autrice ha altresì pensato a un work in progress, di ordine relazionale, intitolato Cl-amore, invitando i partecipanti al festival e il pubblico a trascrivere, lapidariamente, su pellicola radiografica trasparente, già ritagliata allo scopo, un pensiero, un aforisma, una riflessione, sul concetto di cambiamento oggi, tematica del Festival in corso, facendole poi dono di questi pensieri che l’artista trasformerà in un “cespuglio scritturale” di messaggi, come esito di una partecipata opera collettiva.

Dall’introduzione alla mostra di  Viana Conti


Coordinamento
Luciana del Giudice

Fotografia
Daria Cipriani

Traduzioni
Gaia Rosenberg

Ingrid Mijich - 20 ottobre-4 novembre 2018


martedì 9 ottobre 2018

13 ottobre 2018 - QUATTORDICESIMA GIORNATA DEL CONTEMPORANEO


13 ottobre 2018
QUATTORDICESIMA GIORNATA DEL CONTEMPORANEO

Apertura straordinaria
Museo Dinamico della Mail art
"L'Officina della Pace" progetto internazionale di arte postale e digitale - cartolina d'arte
Brochure web
Orario: 9.00-12.00 / 15.00-20.00

Biblioteca Civica A. Aonzo (piazza Costituzione) - ore 17.30
Conferenza sul falso d'autore:
"Il falso nell'arte: testimonianze e metodi diagnostici" a cura di Sonia Pollero
"Significato e valore di una copia" a cura di Cristina Sosio 
con esposizione di alcune copie d'autore.



venerdì 5 ottobre 2018

Conferenza Lucio fontana e Albisola - 12 ottobre 2018



Ruggero Maggi - 13 ottobre-3 novembre 2018



Tutti i colori del Caos

Tutti i colori del Caos 

personale di 
Ruggero Maggi 
 a cura di Giovanna Donnarumma e Gennaro Ippolito e Ruggero Maggi. 

Vernissage 13 ottobre alle ore 18:00
Lineadarte Officina Creativa di Napoli  

Scheda riassuntiva 

Tutti i colori del Caos - personale di Ruggero Maggi
Napoli - dal 13 ottobre al 3 novembre 2018
Via S.Paolo ai tribunali, 31 Napoli 
3275849181- 3342839785
orario: lun-ven: 17-20:00 | sab: 10:30-15:00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: sabato 13 ottobre 2018. ore 18.00
curatori: Ruggero Maggi, Giovanna Donnarumma, Gennaro Ippolito
autori: Ruggero Maggi 
genere: arte contemporanea, serata - evento, personale

giovedì 4 ottobre 2018

ArtistikaMente - 6-27 ottobre 2018



ART PRIZE - 6-14 ottobre 2018



OMAGGIO A MARIA PIA FANNA RONCORONI - 13 ottobre 2018


 A.M.A.C.I. 
GIORNATA DEL CONTEMPORANEO 
OMAGGIO A MARIA PIA FANNA RONCORONI

SPAZI 2018 – il festival dei project space milanesi - 05 – 07 Ottobre 2018

SPAZI 2018 – il festival dei project space milanesi 

Milano 05 – 07 Ottobre 2018 
Opening – Venerdì 05 Ottobre, ore 6.30 pm 
SALA DELLE COLONNE / FABBRICA DEL VAPORE – VIA GIULIO CESARE PROCACCINI, 4 – MILANO | map 


PARAPLUIE - 6-20 ottobre 2018



PARAPLUIE
l'originalissima mostra itinerante
  a Villa A.G.Barrili a Carcare, dal 6 al 20 ottobre 2018.

 L' inaugurazione avverrà sabato 6 ottobre alle ore 18.

Con il Patrocinio del Comune di Carcare, di QuiArte e con l'invito del sindaco  Christian De Vecchi 
che ha molto apprezzato  l'impatto di questa collettiva artistica,
 partita dalla Galleria d'arte del Cavallo,  poi  a Villa Imperiale a Genova,
arriva a Villa Barrili a Carcare( Sv),
dove sarà visitabile in orario della Biblioteca fino al 20 ottobre 2018.

...e non si fermerà qui.

PROGETTO PERSONA 23° CONVEGNO NAZIONALE MusicArTerapia - 5-6-7 ottobre 2018




venerdì 28 settembre 2018

Walter Accigliaro

Un premio d’arte ed un’opera di Accigliaro in esposizione a Spoleto


Dopo aver preso parte alla rassegna d’arte “Artisti in asta per l’Etiopia” nella Sala “Beertola” a Cuneo e dopo aver ricevuto il “Premio Canaletto”, conferitogli dal qualificato Comitato “Spoleto Arte” (a cura di Vittorio Sgarbi) quale riconoscimento per meriti artistici, un’altra adesione va segnalata per Walter Accigliaro. Difatti, recentemente partecipa all’operazione internazionale di mail art “L’Officina della Pace”, organizzata da “SACS Arte” a Quiliano (SV) con l’elaborata cartolina postale “Un ganglio da sciogliere per la pace” del 2018. 

Oltre a tutto ciò, un’opera dell’artista albese è stata selezionata per un’importante esposizione, aperta dal 26 settembre al 1° ottobre a Spoleto. Organizzata dall’Associazione culturale “Rosso Veneziano”, la mostra collettiva “Beyond” viene allestita nelle antiche sale dell’ex Museo Civico spoletino. Accigliaro vi presenta il dipinto “Eximia forma, optima species” del 2005, già esposto, a suo tempo, in gallerie d’arte ad Asti ed a Borgo San Dalmazzo (2010, 2011), nonché pubblicato allora nel relativo catalogo “Walter Accigliaro. Sguardo bifronte” (con testi di Giuseppe Casiraghi, Clizia Orlando e Maria Teresa Palitta). L’attuale manifestazione artistica, di cui qui si tratta, rientra nell’ambito dello “Spoleto Festival Art. Art in the City 2018”. Il dipinto di Accigliaro in esposizione è pubblicato sia nel catalogo dello “Spoleto Festival Art”, sia in quello della mostra “Beyond”, a cura di Valentina Cittadin event manager.