giovedì 28 giugno 2018

SAGOMARTE- 5-15 luglio 2018

SAGOMARTE
installazione e performance interattiva di Rossana Bucci e Oronzo Liuzzi

a cura di Lucia Anelli

Museo Archeologico “Fondazione De Palo-Ungaro”- Bitonto

5-15 luglio 2018



Si inaugura il 5 luglio 2018 , alle ore 19, presso il Museo Archeologico “Fondazione De Palo-Ungaro” a Bitonto la performance interattiva di Rossana Bucci e Oronzo Liuzzi.

SagomArte è esperimento sociale, scommessa, manifesto artistico che raccoglie, destabilizza, deliberatamente proteso all’ ascolto. Una poetica dell’altro dentro l’altro, in cui diversità e alterità attivano un processo plurisensoriale di affrancamento culturale e linguistico. Un’arte che si riconosce nella caducità preziosa, nella riflessione partecipata, come osmotico respiro che sopravvive oltre la simulazione… (estratto del saggio critico di Lucia Anelli).

Ingresso libero
5-15 luglio 2018
Museo Archeologico “Fondazione De Palo-Ungaro” 
Via G. Mazzini 44, Bitonto (Ba) 

ROSSANA BUCCI - 29 giugno-8 luglio 2018


PROGETTO PENELOPE PER L’ARTISTA CORATINA :   ROSSANA BUCCI

Parte dalla mitologia, Rossana Bucci per il progetto di arte contemporanea che intitola ; Progetto Penelope. La vicenda mitologica di Penelope  ci viene narrata da Omero nell'Odissea; Ulisse, partito per la guerra di Troia, venne atteso per anni dalla fedele moglie Penelope, contesa dai proci. Simbolo di astuzia e di fedeltà femminile, Penelope decide di imbastire una gara con l’arco e di darsi in moglie al più valente dei proci.
Le opere che l’artista espone sono una vera e propria sequenza di immagini quasi fumettiane  a raccontare la storia della contesa matrimoniale tra i proci .
In modo giocoso l’artista incastra un vissuto in una realtà sociale di largo respiro. 
L’aria contesa e i proci sono anche figure allegoriche di svariati ambiti  culturali che ironicamente l’artista ritrae.  Quello che colpisce a questo punto del progetto non è solo la connotazione artistica , ma soprattutto l’idea di creare con la sequanza artistica una vera e propria storia.
Performance , editore e  poeta, l’artista presenta  Il progetto Penelope al  Contemporary  Art Museum  Casoria (NA), direttore  artistico Antonio Manfredi dal 29 giugno al 8 luglio 2018. Il venissage è nella giornata di  venerdi 29 giugno alle ore 18,00.
Sarà possibile visitare la mostra  nella giornata di  martedi, mercoledi, giovedi, domenica, dalle ore 10,00 alle ore 13,00  e sabato dalle 17,00 alle 20,00.

F.A.P. Festival Arti Performative - Performing Arts Festival 2018 - 30 giugno-1 luglio 2018

F.A.P. Festival Arti Performative - Performing Arts Festival 2018
a cura di Pierantonio Volpini presenta 

PERFOMEDIA 2018 INTERMEDIA PROJECT – ART ACTION 
Organizzazione ARTESTUDIO MORANDI Ponte Nossa (Bg)



sabato 30 giugno dalle 15:00/18:00 - domenica 1 luglio dalle 10:00/13:00

Casa del Castellano Castello di Bergamo - Via al Castello, 14 Bergamo

Lat., long.45.70916667, 9.65111111
Molto comodo è prendere la funicolare che dalla porta di Sant'Alessandro 
arriva a San Vigilio in Via al Castello o salire a piedi da via San Vigili

Artisti che presenteranno le loro performance in sequenza continua 
e in alcuni momenti in contemporanea
dalle 15:00 alle 19:00 di sabato 30 giugno e dalle 10:00 alle 13:00 di domenica

ANALIA BELTRAN I JANES, Madrid - Spagna
ANA MILOVANOVIC, Belgrado - Serbia 
ATTILIO FORTINI, Brescia 
BRIGATA TOPOLINO - M. BELLAROSSA, C. GAVINA, Milano 
BRUNO SULLO, Livorno 
DINO SILEONI e LUCIA FORNARINI, Brescia 
EMILIO & FRANCA MORANDI, Bergamo 
FRANCESCO MANDRINO, Modena 
LINO ROSSI, Bergamo 
MAURO ANDREANI, Livorno 
MELARANCE - M. BORTOLETTO, M. SPINAZZE, S. MARTINI, Milano MICHELA MONTRASIO, Monza 
PAOLO BOTTARI, Livorno 
PAOLO G. CONTI & EZIO BIANCHI, Viadana 
TANIA LORANDI, Lovere 
OSPITI A SORPRESA

Perfomedia 2018 

L’Associazione Linea Infinita Multimediale Arte Contemporanea del movimento Arte Effimera Zerotre con sede all’Artestudio Morandi di Ponte Nossa (BG) centro arte sperimentale, arte di ricerca internazionale, Art Director Emilio e Franca Morandi dal 1980 organizzatori della rassegna “PERFOMEDIA“ Meeting di performances artistiche realizzata in spazi d’ arte e musei in Italia e all’estero. PERFOMEDIA è l’evento / incontro annuale affinchè artisti indipendenti internazionali possano trovarsi per scambiarsi idee, diventando così il luogo delle sperimentazioni attraverso le installazioni e comportamenti poetici. Le performances di questi artisti rimangono “spettacoli progetto“ senza preclusioni verso i media impiegati e pregiudizi di sorta nei confronti delle grammatiche e delle sintassi espressive che i singoli operatori mettono in opera.

Il festival – rassegna PERFOMEDIA è stata invitata 
e presentata nei luoghi prestigiosi dell’arte, tra cui: 

Halle K18 – Kassel - Germany 1986
Atelier Ars Gallery – Beograd – Serbia 1987 
Liget Gallery – Budapest – Hungary 1989 
50° Biennale di Venezia – 2003 
Huuto Gallery – Helsinky - Finland 2004 
Centro de Arte Moderno – Madrid – Spagna 2005 
Zona de Arte – Buenos Aires – Argentina 2006 
Pantenao Nacional – Lisboa – Portogallo 2009 
Spazio Thetis – Arsenale Novissimo – Venezia 2010 
Galerie 59 – Rue de Rivoli – Paris – Francia 2012 
Kiscelli Museum – Budapest – Hungary – 2013 
Museo Kantor – Krakow – Poland 2015 
Spazio Arte ex Chiesa San Leonardo – Fano 2016 
MUVI – Museo Civico – Viadana 2017 
Pieve di Urago Mella - Brescia 2018 

Tra gli artisti coinvolti in questa rassegna non mancano coloro che affidano la centralità comunicativa al corpo, ne coloro disposti ad amplificare la ritualità del “segno – gesto - suono“ in un mescolamento dei linguaggi artistici

Gruppo di lavoro di San Vigilio sul Castello di Bergamo

Costituitosi ufficialmente il 26 settembre 2017, attraverso un percorso partecipativo, nato su iniziativa dell’Associazione per Città Alta e i Colli, il gruppo riunisce cittadini di Bergamo (architetti, storici, artisti…) allo scopo di formulare e realizzare proposte e progetti di utilizzo del complesso del castello di Bergamo (la Cappella), nonché interventi ed idee per il suo recupero, in collaborazione con l’amministrazione di Bergamo ed ad altri enti interessati.

Info: pierantoniovolpini@gmail.com - cell. 3931860566

Performing Art 3Days 2018 - 28-30 giugno 2018

Performing Art 3Days 2018 collettivo superazione 

Ospiti nel bellissimo Teatro Rossi Aperto, in Via Collegio Ricci di fronte alla facoltà di lettere a Pisa, dal 28 al 30 giugno, il Collettivo Superazione (Paola Bonaiuti, Katia Lari Faccenda, Barbara Fluvi, Silvia Mordini, Omer Murat Onol, Giacomo Verde) ha organizzato una tre giorni dedicata alla performance sul tema:

/Prolegòmeni e Gómene/

Prolegòmeni – trattazioni esplicative introduttive a una tesi, a una materia di studio, a una dottrina

Gómene – cavo torticcio di canapa, cima destinata all’ormeggio di imbarcazioni.

Quindi: una fune di parole a giustificare altre parole, per unire o dividere; una fune di materia sorretta da gesti, per andare o giungere. Prolegòmeni e Gómene hanno molto in comune oltre la magnifica ed evocativa assonanza del vocabolo; indicano due vie relazionali diverse eppure simili, che implicano un moto di prossimità o distanza. Molta strada compie il pensiero per riconoscere l’attracco (o distacco) a un porto, a un luogo che sia ignoto, appartenenza, qualcuno. Molto del movimento certo, che è partire o il fare ritorno, si precisa invece attraverso ragione e speculazioni. Comportamenti solitari che attraccano a significati collettivi che tornano comunque a introdurre pensieri e azioni personali. In arte, dentro o fuori della polis ma comunque dentro l’avventura.

Dopo una open call internazionale sono stati selezionati, tra le diverse proposte pervenute, Keanu Arcadio, Ad Hoc Group: Annie Abrahams, Daniel Pinheiro e Muriel Piqué, A.di, Irena Boćkai, Alerti, Enzo Correnti e Lidia Carlucci, Ina Ripari e Davide Cruciata, Stefania Puntaroli, Miss Okinawa. Altri artisti sono stati invece invitati per le loro diverse ed esemplari esperienze nel campo della performance: Luca Leggero, Francesco Liberti, Fulgor Silvi, Dania Gentili, I Pugili, tekiuen, mentre Giacomo Verde introdurrà i video delle performance di Nicola Frangione che verranno proiettati in chiusura della serata di venerdì 29 giugno. Sempre venerdì sera, Zhong Yun, studentessa dell’accademia di Torino, terrà una breve conferenza dal titolo “La performance art in Cina”.

Sabato 30 sarà infine proiettato il film “Dionysus in 69” (1 ora) / Regia di Brian De Palma e Richard Schechner - USA, 1970 sottotitolato in Italiano.

Aprirà il festival giovedì 28 giugno “SuperMemoria: Livorno”, una serata particolare dedicata al gruppo di artisti e performer “storicizzati” che hanno operato nell'ambito livornese. Si tratta della seconda edizione di un progetto che ha lo scopo di recuperare la storia e la memoria della performing art in Toscana e, auspicabilmente, in tutta Italia. Dopo essersi esibiti nel pomeriggio, alcuni performer livornesi converseranno con altri artisti e testimoni di quella stagione moderati da Giacomo Verde e Grazia Batini. Mauro Andreani, Paolo Bottari, Sergio Cantini, Maurizio Faleni, Gabriella Fiorillo, Paolo Pasquinelli, I Santini Del Prete, Bruno Sullo cercheranno di raccontare il clima e le azioni che hanno fatto la storia della performance fra gli anni '80 e '90 nel territorio livornese, coadiuvati dalle proiezioni video di fotografie e documenti dell'epoca. L'intento è quello di raccogliere testimonianze originali di un periodo particolarmente vivace e ricco di riflessioni attraverso una modalità conviviale e fuori dalle convezioni specialistiche.

Programma:

GIOVEDì 28 dalle ore 18:30

Mauro Andreani – “Tespi 2018”
Paolo Bottari – “Cinque minuti”
Bruno Sullo – “La forma trovata 2018”
I Santini Del Prete – “Happerform 18”

pausa

ore 21:00
SuperMemoria: Livorno
Coordinamento: Grazia Batini e Giacomo Verde
Partecipanti: Mauro Andreani, Paolo Bottari, Sergio Cantini, Maurizio Faleni, Gabriella Fiorillo, Paolo Pasquinelli, I Santini Del Prete, Bruno Sullo.

Durante tutta la giornata verrà mostrato in loop il video “Oggi si vola" 25 anni di non-arte de I Santini Del Prete

VENERDì 29 dalle 18:00
tekiuen – “GOMENA/GENOMA. Prolegomeni alla narrazione di sé”
Alerti - “Filo da torcere”
David Cruciata e Ina Ripari – “Pa-Piro”
Keanu Arcadio – “The cage”
Francesco Liberti con la musica di Erico Wakamatsu – “Aptico”
Lidia Carlucci e Enzo Correnti – “Andata & Onrotir”

pausa

ore 21:00
Zhong Yun - “La performance art in Cina”
Nicola Frangione – selezione video presentata da Giacomo Verde

SABATO 30 dalle 16:30
I Pugili – “Ci siamo travestiti perché siamo incazzati con voi”
Miss Okinawa – “Appesi ad un filo”
A.di. – “Iceberg”
Irena Boćkai – “Prologue for those who always get the short end of the stick”
Fulgor Silvi – “Elogio dell'assenza” e “Tele/trasporto”
Dania Gentili – “Leggio”
Ad Hoc Group: Annie Abrahams, Daniel Pinheiro e Muriel Piqué – “Distant Movement(s)”
Stefania Puntaroli – “I 10 mondi”

ore 21:00
Luca Leggero – “Voice messaging music”
Film: “Dionysus in 69” (1 ora) / Regia di Brian De Palma e Richard Schechner - USA, 1970 sottotitolato in Italiano

Vi aspettiamo

collettivo superazione / democracia corinthiana / teatro rossi aperto

I Mercoledì di Pozzo Garitta - 27 giugno 2018




MICHELE DE LUCA - 29 GIUGNO / 29 SETTEMBRE 2018

ASSOCIAZIONE CULTURALE PRIMO PIANO - Chiavari
MICHELE  DE  LUCA

SOGLIE  DI  LUCE 



Testi critici di Anna Imponente ed Eloisa Saldari

Inaugurazione VENERDÌ 29 GIUGNO 2018   ORE 18.00 - 21.00
Primo Piano Spazio Espositivo, Corso Garibaldi 18/2, Chiavari (Ge)

29 GIU / 29 SETT 2018       H 9-12.30 / 15.30- 19

”Tento una pittura che placa, evocando il flusso continuo della luce (freschezza imprendibile), l’andare del tempo
che ci sostiene e ci inghiotte nella storia, quello delle idee e delle emozioni che circolari perdurano,
si perdono e rinascono, costanti e diverse.  E il ritmo essenziale della pura ricerca dell’armonia.”
                                                                                                                            Michele De Luca

A pochi mesi dalla nascita, lo spazio espositivo Primo Piano, innovativo connubio di storia e contemporaneo situato nel centro storico di Chiavari, continua a suscitare un vivo interesse presentando una programmazione artistica di ampio respiro, nella quale convogliano personalità di rilievo del panorama nazionale come estero.  Si pensi a un Mario Moronti, alla forza motrice dei suoi colori e al tratto che si fa sintesi di una estrema ricerca esistenziale, alla scrittrice Valeria Corciolani, madrina a tutti gli effetti di Primo Piano, sino a puntare l’obiettivo su artisti emergenti come Janna Colella e i suoi autoritratti in Polaroid.

Il cartellone di Primo Piano non poteva che proseguire anche nella stagione estiva presentando al pubblico un nome di rilievo quale Michele De Luca, artista sperimentale che racchiude in sé quell’ideale di sinergia tra le arti sposata dall’Associazione sin dalla sua nascita.

Nato a Pitelli, e quindi di origini liguri, pittore e poeta, ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Firenze, lavorando poi come scenografo in teatro e cinema e spaziando da esperienze letterarie a musicali e teatrali. Vive a Roma dove insegna all’Accademia di Belle Arti e dove si è imposto dalla fine degli anni ‘80 rivelandosi agli occhi della critica artista di estremo interesse sia per la sua versatilità che per coerenza di ricerca e come una delle più significative presenze della nuova astrazione italiana.

Anna Imponente, storica e critica dell’arte, ha scritto che “le tele di Michele De Luca, sfidando lo spazio con un’enorme carica di energia, racchiudono il senso di una macchina del tempo di un mondo oramai cancellato”; mentre Eloisa Saldari, nella presentazione della mostra da Primo Piano, scrive: De Luca, artista poliedrico, concilia l’attitudine per le arti visive alla potenza delle parole. Dopo aver firmato scenografie per il cinema e il teatro, da anni si dedica ad una pittura astratta che trova nella rappresentazione della luce il suo focus. Il segno del pennello sulla tela e il ritmo dei suoi versi sono uniti da un legame inscindibile e tendono entrambi alla scomposizione delle forze primarie e a ridare ordine al caos”. Lo definisce poi non a caso “poeta di luce, artefice di inaspettati effetti luminosi, di scintillanti flussi tra le molteplicità cromatiche che creano sulla tela un movimento lento ed impetuoso, come eco silenziosa di una intima interiorità.

<raccontano gli organizzatori - e della fiducia a noi concessa da parte di artisti di fama come lo stesso Michele De Luca che ospitiamo nel nostro spazio e che lasciano in consegna a Primo Piano opere di grande valore. Questo è segno che, pur essendo noi tutti giovani professionisti, stiamo lavorando nella direzione giusta, soprattutto grazie alla sinergia e all’entusiasmo di una squadra in cui ciascuno mette a disposizione dell’altro le proprie competenze.  Abbiamo voglia di dare vita a qualcosa di bello, perché riteniamo ci sia un grande bisogno di riempirsi gli occhi di bellezza e di arte, senza per forza dover andare troppo lontano per poterlo fare. E Primo Piano cerca di realizzare proprio questo, accogliere e prendersi cura di opere d’arte che si mettono in viaggio verso di lei per diffondere bellezza.>>

De Luca esporrà quindici delle sue tele e tavole all’interno delle due sale di Primo Piano a partire da venerdì 29 Giugno alle 18.00, giorno dell’inaugurazione durante la quale sarà possibile conoscere dal vivo l’artista, sino al 29 Settembre.

Si potrà accedere allo spazio espositivo Primo Piano da lunedì a venerdì, ore 9-12.30 / 15.30- 19 o prendendo appuntamento al 0185.310539.
Nel periodo dell’esposizione, in data da comunicare, ci sarà un incontro-dialogo con l’artista, che illustrerà la sua personale ricerca creativa, anche con letture e commenti delle sue poesie.

___________________________________________________________________________
Ufficio stampa: Pieramaria Ciuffarella piera.ciuffarella@gmail.com  3336176718
Associazione Culturale Primo Piano, Corso Garibaldi 18/2, Chiavari (Ge) +39 0185.310539 info@rgstecn