martedì 8 maggio 2018

La Teoria al di là delle Apparenze: Riflessioni sulla Terra - 10 MAGGIO 2018

Atb associazione culturale e galleria d’arte, riprende la sua attività espositiva nella
nuova sede di via Riccardo Sineo, 10 a Torino



GIOVEDI' 10 MAGGIO 2018
ORE 19,00 C/O MiATB SPAZIO ESPOSITIVO ATB ASSOCIAZIONE CULTURALE E
GALLERIA D’ARTE
Via Riccardo Sineo, 10 - 10124 Torino

La Teoria al di là delle Apparenze: Riflessioni sulla Terra
Mariella Bogliacino Maria Erovereti Fernando Montà Stefania Scutera Rosa Sorda

Intende guardare oltre l’opera d’arte fino alla comprensione del pensiero dell’artista e del suo campo d’analisi, della struttura basilare della visione e i metodi dell’operare artistico che lo portano a sviluppare un processo di decodificazione delle emozioni e del sentire. Assenze e presenze contribuiscono a ridisegnare lo spazio e le opere che lo popolano, creando dei vuoti o delle false percezioni entro le quali trovano luogo citazioni filosofiche, scientifiche, riferimenti artistici, letterari e religiosi. La teoria e l'Apparenza è, in questa sua prima esposizione di inaugurazione, anche una riflessione sulla terra, nelle sue più ampie accezioni e simbologie perché gli artisti che la animano: Mariella Bogliacino, Maria Erovereti, Fernando Montà, Stefania Scutera, Rosa Sorda, hanno sviluppato il tema con ricerche di notevole impatto e importanza culturale. Rappresentazione del mondo naturale o ideale, il culto delle origini,l’attenzione ai temi della fertilità, l’interesse per la materia e per gli elementi, i temi dell'aldilà e della metamorfosi; l'eterno susseguirsi di una vitale trasformazione, sono temi che permettono di gettare una luce forse inedita sugli
aspetti delle notevoli produzioni artistiche degli autori coinvolti e di comprenderne le valenze intellettuali.
In loro, la terra si trasfigura in esperienza vissuta restituita attraverso la forza evocativa della memoria, della dimensione onirica in grado di trasformare un tempio in una figura archetipica, un elemento terrestre in una mostra d'eccezione con protagonisti della storia dell'arte contemporanea torinese che non ha più la concretezza data dalla resa accurata del dettaglio, ma è uno spazio “mitico”, un filo d’erba in un’amplificazione del respiro cosmico, un corpo in una figura alata, una “antica dea” di Eschilo fertile e malinconica, un filo in un’esperienza di creazione poliformica e polimaterica. Sono opere straordinarie, vere proprie riflessioni figurative e sensoriali condotte sul tema del ciclo della vita e dell'eterno trasformarsi della materia.
Al vernissage saranno presenti gli artisti

Nessun commento:

Posta un commento